alcune definizioni di economia: definizioni economia: contratti (le diverse tipolgie), costituzione, comando, flessibilità, deregulation, inail, inps... (2 pagine formato doc)

VOTO: 5 Appunto inviato da daly00

Lo SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA' in un sistema aziendale è visto come il compimento di una serie di funzioni all'interno di una Lo SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA' in un sistema aziendale è visto come il compimento di una serie di funzioni all'interno di una struttura organizzativa per raggiungere un fine attraverso un'organizzazione stabile e un buon coordinamento delle risorse umane e materiali, e questa responsabilità è assunta dalla DIREZIONE. Ci deve essere un COLLEGAMENTO ORGANICO per raggiungere gli obietti prefissati, quindi per essere EFFICACE ma anche EFFICENTE. Il COMANDO viene esercitato sui SOGGETTI AZIENDALI o DIPENDENTI attraverso diverse forme comunicative che possono essere: DIRETTIVE una serie di norme scritte riguardanti sul COMPORTAMENTO in determinate CIRCOSTANZE MANSIONARI i COMPITI dei diversi ORGANI PROCEDURE MODI specifici per svolgere un compito Oggi IL FATTORE UMANO è difficile da trovare oltre al capitale, la tecnologia e la produzione perché oltre a una BUONA SPECIALIZZAZIONE c'è bisogno anche di MOLTA FLESSIBILITA' (part-time….) LE AZIENDE AD ALTA INTENSITA' DI CAPITALE HANNO ESIGENZE QUALITATIVE LE AZIENDE AD ALTA INTENSITA' DI LAVORO HANNO ESIGENZE QUANTITATIVE Con la POLITICA DEL PERSONALE si GRATIFICA il lavoratore con la MOTIVAZIONE E LA GRATIFICAZIONE. HUMAN RELATION - MAYO - USA -per una buona produttività c'è bisogno di OCCUPARSI DEI PROBLEMI DEI DIPENDENTI CIRCOLI DI QUALITA' - GIAPPONE - per maggiore qualità e soddisfazione del cliente bisogna motivare e coinvolgere tutti i livelli DIRITTO DEL LAVORO sono tutte le NORME che tutelano i lavoratori, REGOLAMENTA i RAPPORTI DI LAVORO e riguardano il COMPORTAMENTO DELLO STATO, ASSOCIAIZONI PROFESSIONALI E SINDACALI e tutto ciò che riguarda la materia del lavoro. Le LEGGI che regolamentano il rapporto di lavoro subordinato sono INTEGRATE DAI CONTRATTI COLLETTIVI E INDIVIDUALI. LE FONTI GIURIDICHE DEL DIRITTO DEL LAVORO sono tutti quei atti normativi da cui sorgono le regole che disciplinano il rapporto di lavoro e possono essere FONTI ESTERNE E FONTI INTERNE cioè i CONTRATTI. (da studiare a memoria in ordine di importanza) LA COSTITUZIONE fa parte degli atti normativi delle FONTI ESTERNE, è la LEGGE FONDAMENTALE che tutela i lavoratori con PRINCIPI GENERALI, infatti l'articolo dice che è compito della Repubblica di muovere gli ostacoli economici e sociali che limitino la libertà e l'uguaglianza. Sancisce anche DIRITTI sulla libertà di pensiero, rispetto dignità umana, integrazione fisica, diritto di sciopero, libertà sindacale e politica…. IL CODICE CIVILE è un insieme di libri, a anche qui il quinto è dedicato ai lavoratori specialmente sulle LEGGI DELLE LAVORATRICI MADRI, il LAVORO A DOMICILIO e l'APPRENDISTATO. Tra queste c'è una legge importante del 20 Maggio 1970 che è la LEGGE SULLO STATUTO DEI LAVORATORI, un'insieme di norme sulla libertà e di dignità dei lavoratori nei luoghi dove prestano lavoro, la libertà sindacale e l'attività sindacale nei luo Continua »

vedi tutti gli appunti di economia »
Carica un appunto Home Appunti