Io Robot: recensione

Appunto inviato da jass994 Voto 8

recensione del Libro "Io Robot" di Isaac Asimov (4 pagine formato doc)

Io Robot: recensione - “Io, Robot” è un'antologia di racconti fantascientifici dello scrittore Isaac Asimov.
Isaac Asimov nacque nel 1920 in un piccolo villaggio russo. Proveniente da una famiglia ebrea, Asimov si trasferì con la propria famiglia negli Stati Uniti all'età di tre anni. Con il passare del tempo si appassionò di fantascienza e all'età di 11 anni si cimentò nella scrittura di un racconto. Nel 1934, mentre frequentava la scuola superiore, fu pubblicato il suo primo racconto “ Little Brothers”.

Isaac Asimov: vita e opere

Nel 1939 si laureò in chimica e biologia alla Columbia University e nel 1941 in filosofia. Nel 1948 ottenne un lavoro alla Columbia University come ricercatore, tuttavia nel 1958 abbandonò l'insegnamento per diventare scrittore a tempo pieno. Durante la sua vita scrisse numerosi racconti che sono tutt’ora letti in tutto il mondo. Asimov morì nel 1992 stroncato da crisi cardiaca.
“Io robot” è una collezione di piccoli racconti che narrano le vicende dell'umanità alle prese con le macchine cibernetiche.

Isaac Asimov: le civiltà extraterrestri

Ogni racconto si basa sulle Tre Leggi della Robotica:
1.    Un Robot non può recare danno ad un essere umano, né permettere che, a causa della propria negligenza, un essere umano patisca danno.
2.    Un Robot deve sempre obbedire agli ordini degli esseri umani, a meno che contrastino con la Prima Legge.
3.    Un Robot deve proteggere la propria esistenza, purché questo non contrasti con la Prima o la Seconda Legge.
Manuale di Robotica, 56ª edizione, 2058 d.C.