Canto 5 Inferno - Parafrasi

Appunto inviato da snikkia Voto 6

spiegazione dei versi del Canto 5 dell'Inferno della Divina Commedia di Dante (7 pagine formato doc)

Canto 5 Inferno - Parafrasi. Inferno: canto V Inferno: canto V Scesi dunque dal primo nel secondo cerchio, che contiene in sé meno spazio (essendo la sua circonferenza più piccola), ma una pena tanto più crudele, che spinge a lamentarsi . L'inferno dantesco ha la forma di un imbuto: i cerchi sono tanto più stretti quanto più sono vicini al centro della terra, occupato da Lucifero. A mano a mano che il loro diametro decresce, aumenta la gravità dei peccati che in essi vengono puniti.

Leggi anche Canto 5 Inferno - Riassunto

Ivi si trova Minosse in atteggiamento terrificante, e ringhia: valuta, all'ingresso del cerchio, le colpe (dei peccatori); li giudica e li destina (ai rispettivi luoghi di punizione) a seconda del numero di volte che attorciglia (la coda intorno al proprio corpo).Voglio dire che quando l'anima sciagurata si presenta al suo cospetto, rivela tutto di sé; e quel giudice dei peccaticomprende quale parte dell'inferno si addice ad essa; si avvolge con la coda tante volte per quanti cerchi infernali vuole che venga precipitata in basso.

Leggi anche Canto 5 Inferno - Figure retoriche

Davanti a lui ve ne sono sempre in gran numero: le une dopo le altre si sottopongono ciascuna al suo giudizio; si confessano e ascoltano (la sentenza), e poi vengono travolte nell'abisso.Minòs: mitico re di Creta, che nel sesto libro dell'Eneide (versi 432-433) giudica le anime dei trapassati. La scena delle anime davanti a Minosse ha, nella sua straordinaria concisione, una tragica grandiosità.

Leggi anche Canto 6 Inferno - Parafrasi

Il Momigliano ha visto, in questa figura di belva giudicante, "una stupenda fusione di maestà e di grottesco", rilevando, tra l'altro, nella contaminazione, che si ritrova in tutti i guardiani infernali, di elementi desunti dalla mitologia classica con elementi cristiani, una solidità di figurazione che "toglie ogni impressione anacronistica, come l'unità della composizione impedisce di vedere una stonatura nei vestiti o negli sfondi architettonici moderni dei quadri sacri o classici del Rinascimento".