scheda libro "il pozzo e il pendolo"

Appunto inviato da mattrox Voto 6

scheda del libro "il pozzo e li pendolo" di E. Allan Poe. Questo libro contiene molti racconti, scritti da Poe, uniti tutti da emozioni comuni... (1 pagine formato doc)

Il pozzo e il pendolo Il pozzo e il pendolo Dati bibliografici: Edgar Allan Poe, Il Pozzo e il Pendolo e altri racconti, editore Mondatori. Prima edizione Luglio 2001. Genere: Horror Questo libro contiene molti racconti, scritti da Poe, uniti tutti da emozioni comuni, quali incertezza, sconcerto, pazzia e malinconia creando, così, un'atmosfera tetra alla quale l'autore si atterrà in tutto il romanzo, senza mai permettere a nessun dettaglio estraneo di contaminare il tema e lo stile prescelto. Nel romanzo, è di fondamentale importanza il ruolo che, Poe, attribuisce al mistero, infatti, Poe non fornisce mai una spiegazione alle sue storie, ma lascia sempre un alone di mistero attorno ai personaggi e alle vicende. In tal modo al terminare dei racconti, la paura e lo sconcerto gonfiano lasciando angosciato chi legge. Prendiamo, per esempio, il più rappresentativo di questi racconti, che da nome all'intera raccolta: ne il pozzo e il pendolo si possono individuare alcune piccole sequenze: una prima, nella quale il protagonista si risveglia in una prigione senza ricordarsi il perché, al buio e senza cibo né acqua. Nella seconda parte il protagonista si rende conto di essere stato catturato dall'inquisizione per essere torturato e ucciso, infatti, si risveglia legato ad un letto, mentre un'affilatissima lama scende, dal soffitto, oscillando su di lui. Riesce a salvarsi, dopo lunghe sofferenze, solo quando l'esercito francese sconfigge l'inquisizione. In questo racconto, è rispettato l'ordine cronologico, poiché l'autore ha preferito una narrazione consona al tempo reale della vicenda, quindi più coerente e realistica. Usando questa tecnica, appunto, emergono la freddezza e la crudeltà che esaltano ulteriormente l'horror del racconto. La durata totale della vicenda non è ben definita per ovvie scelte stilistiche, anche perché l'alterazione del tempo riflette la visione annebbiata del protagonista stordito dai sedativi e accecato dalla fame. Ovviamente anche lo spazio gioca una parte fondamentale: gli ambienti lugubri, le luci quasi assenti, sono determinanti per l'atmosfera che questo genere di romanzo deve creare. Gli spazi sono principalmente chiusi e gli oggetti che essi contengono richiamano al solito presupposto di morte e disperazione. L'unico personaggio della storia non è presentato direttamente, anche il nome resta oscuro e solo il suo animo angosciato emerge nella narrazione. E' sicuramente un personaggio a tutto tondo, poiché riflette sulla sua condizione e cerca di risolverla fino a che non è costretto ad accettare il suo destino, vale a dire la morte. Il narratore è interno, e, coincide con il protagonista, né sente i pensieri e le emozioni. Per rappresentare le riflessioni e i sentimenti, sono usati solo monologhi interiori essendoci solo un personaggio.