razzismo

Appunto inviato da solmaio Voto 3

ricerca sulle radici e sulle conseguenze del razzismo (6 pagine formato doc)

RazzisMo RAZZISMO Soweto, la più nota township del Sudafrica, sorge alla periferia di Johannesburg. Città-ghetto istituita dal regime dell'apartheid per ospitare la popolazione di colore, nel 1976 Soweto è stata al centro di sanguinose sommosse. Ricerca di SARA Razzismo & migrazione Razzismo Insieme di teorie e comportamenti basati su una supposta divisione dell'umanità in razze "superiori" e razze "inferiori". Secondo le teorie razziste il patrimonio biologico determinerebbe, oltre ai comportamenti individuali, gli sviluppi (culturali, politici, economici ecc.) dei gruppi e delle società. Stabilendo questa connessione fra tratti razziali ed evoluzione sociale, le concezioni razzistiche ritengono superiori le razze in grado di costruire società più "evolute". L'Italia ,ha recentemente conosciuto il fenomeno dell'immigrazione da parte di popolazioni provenienti da diversi paesi, in particolare l'Africa, l'Europa orientale e il Sud-Est asiatico. L'intensità del flusso migratorio (seppur inferiore rispetto a quello di altre nazioni), le difficili condizioni economiche interne e la mancanza di adeguate infrastrutture hanno determinato un difficoltoso inserimento degli immigrati nella società italiana, provocando sentimenti di intolleranza e talvolta deplorevoli episodi di razzismo. Origini & storia  Un atteggiamento di tipo razzistico è costantemente presente nella storia dell'umanità, come testimonia la pratica antica della schiavitù. Gli antichi greci, e in seguito i romani, chiamavano "barbari" (stranieri) quelli che non parlavano la loro lingua, avevano costumi, religioni, istituzioni diverse e vivevano al "limite" del loro mondo. Schiavitù .Condizione di chi è schiavo, di una persona cioè completamente e involontariamente assoggettata a un'altra. Caratteristiche costitutive della schiavitù sono: la coercizione a svolgere un compito o a prestare un servizio; la riduzione di un essere umano a proprietà esclusiva di un altro essere umano, cioè del suo padrone; l'assoggettamento completo di un individuo alla volontà di colui che lo possiede .Il sistema sociale o l'ordinamento politico fondato sull'istituto sociale della schiavitù è detto schiavismo. Tuttavia, il razzismo per come noi lo intendiamo si sviluppò a partire dal XVII secolo, in seguito alle scoperte geografiche e al colonialismo. In questo periodo si affermò la convinzione che il progresso - intellettuale, scientifico, economico, politico - fosse un'esclusiva prerogativa dei bianchi e che gli altri popoli non potessero conseguire gli stessi risultati proprio a causa di una differenza biologica. Se fino a quel punto l'interpretazione prevalente del determinarsi delle varie razze era stata quella "climatica" - secondo la quale a un'origine comune erano seguiti sviluppi dovuti soprattutto alle condizioni ambientali - dal XVIII secolo si affermò la teoria "poligenetica", che fa risalire le popolazioni del mondo a progenitori diversi. L'affermarsi di questa convinzione portò a ritenere inalte