Giove - Appunti di Astronomia gratis Studenti.it
Controllo utente in corso...

Giove: Breve ricerca sul pianeta Giove. (1pg. file.doc) ( formato doc)

VOTO: 0 Appunto inviato da

È il più grande pianeta conosciuto GIOVE È il più grande pianeta conosciuto. Gira attorno al Sole ad una distanza media di 778 milioni di km, compiendo una rivoluzione completa ogni 11 anni e 317 giorni. Pesante 318 volte la Terra , ha però una densità di appena 1,33 g/cm cubo. Ha un diametro equatoriale di 142800 km ed è talmente schiacciato ai poli che, per accorgersene, basta osservarlo anche con un cannocchiale modesto. Il suo disco appare solcato da bande chiare e scure, alternate e parallele all'equatore che sono state chiamate rispettivamente "zone" e "fasce". Compie una rotazione attorno al proprio asse ogni 9h 50m 30s, ma con una velocità che non è la stessa a tutte le latitudini. Questo accade perché, come nel caso di Venere, anche qui ciò che osserviamo è solo la parte più alta dell'atmosfera. Nonostante questo, molte delle configurazioni osservate sembrano avere un carattere permanente, come ad esempio la famosissima macchia rossa scoperta da G.Cassini al 1665. La macchia rossa è una configurazione di aspetto ellittico e colore rosso mattone. La tonalità del colore e l'intensità variano col tempo, al punto tale che la macchia, in certe epoche, giunge fino a scomparire. Le dimensioni sono di 13000 per 40000km tali quindi da contenere abbondantemente tre globi come la Terra. La sua latitudine è pressoché costante ma la longitudine varia. La velocità di rotazione della macchia, cioè, non è la stessa del resto del pianeta. Essa, dunque, pur dovendo essere consistente e permanente sembra fluttuare sul resto del pianeta. Le osservazioni infrarosse compiute dalle due sonde hanno contribuito a chiarire che le zone (chiare) sono più fredde e più alte delle fasce (scure) e inoltre che i gas nelle zone salgono mentre nelle fasce scendono. Secondo J.D.Anderson e W.B.Hubbard, al disotto dell'atmosfera s'incontra una superficie liquida: un unico oceano di idrogeno molecolare liquido, esteso su tutto il pianeta e profondo circa 24000km. In fondo a questo oceano troviamo già una temperatura di 11000 gradi centigradi e una pressione di 3 milioni di atmosfere. Scendendo ancora, l'idrogeno non può più mantenersi allo stato molecolare e passa allo stato metallico liquido, che sembra sia la fonte del forte campo magnetico scoperto dalle sonde Pioneer. Tra le altre particolarità del pianeta vi è che esso emette più calore, circa il doppio, di quello che riceve dal Sole. Dunque Giove ha una sorgente interna di calore e, diversamente dagli altri pianeti che si limitano a riflettere la luce e il calore che ricevono dalla nostra stella, si comporta come un Sole in miniatura, un piccolo sole il cui centro è caldo meno di un millesimo di quello intorno al quale si muove. Attorno al pianeta orbitano almeno 16 satelliti. Tra i più famosi troviamo i cosiddetti galileiani, nome che deriva dal loro scopritore. Essi sono Io, Europa, Ganimede e Callisto. Il loro moto orbitale produce configurazioni sempre nuove col passare delle ore, uno spettacolo mai privo di fascin Continua »

vedi tutti gli appunti di astronomia »
Carica un appunto Home Appunti
Pagina eseguita in 0.0294289588928 secondi