trasformazioni in europa orientale ed economia russa: La russia nata dalla ceneri dell’unione sovietica ha avviato profonde trasformazioni economiche cercando di passare da un’economia pianificata a un’economia di mercato (3 pagine formato doc)

VOTO: 5 Appunto inviato da giasonexxx

TRANSAZIONE DELL'ECONOMIA RUSSA TRANSAZIONE DELL'ECONOMIA RUSSA La russia nata dalla ceneri dell'unione sovietica ha avviato profonde trasformazioni economiche cercando di passare da un'economia pianificata a un'economia di mercato e da un sistema politico monopartitico ad un sistema multipartitico e democratico. La transizione economica si è rivelata pero piu difficile del previsto. Tra il 1989 e il 1996 il pil procapite della russia è sceso ininterrottamente di oltre il 40% per poi riprendersi nel 1997 e scendere ancora nel 1998 a causa della grave crisi finanziaria e valutaria. Nel 1989 il pil procapite russo rispetto a quello usa scese di circa 1/3 e nel 2000 di circa 1/6. nella federazione russo il lavoro informale era nel 1997 l'attivita principale di circa 7milioni di persone. Il problema più grosso di questa transazione stava nel fatto che non bastava sostituire la proprietà privata dei mezzi di produzione con quella pubblica per avere un economia di mercato e rimovendo gli ostacoli alla concorrenza e alla libera iniziativa costruendo gradualmente e faticosamente l'enorme complesso di istituzioni e di conoscenze che fanno funzionare un'economia di mercato e realizzando allo stesso tempo un'adeguata politica macro-economica. Le grandi difficoltà del processo di transizione dell'economia russa sono passate attraverso 6 importanti momenti: Privatizzazione: nel 1989 gorbacev diede gia la possibilità a diverse imprese di potersi sviluppare nel campo della produzione dei beni di consumo; ma per le imprese non si era andato oltre un allargamento dell'autonomia finanziaria. Nel 1989-90 si apri la strada ai veri e propri processi di privatizzazione. Dal 1992 al 1994 si apri la strada verso la privatizzazione di tutte le imprese con più di 1000 addetti o con capitale sociale superiore a 50milioni di rubli. Il programma di privatizzazione avvenne attraverso la distribuzione di certificati distribuiti alla popolazione adulta a un prezzo assai basso e che davano diritto ad azioni delle imprese che si andavano privatizzando. La banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo rivelò che nel 1995 il 55% del pil russo veniva prodotto nel settore privato. Gran parte dell'economia russa viene in questo periodo privatizzata ma il controllo talvolta è passato ai precedenti manager, oppure a esponenti dell'oligarchia politica e finanziaria e della criminalità organizzata. Stabilizzazione a causa della politica monetaria troppo espansiva si registrò un tasso d'inflazione eccessivo e una notevole crescita del deficit pubblico. costruzione delle istituzioni venne istituita la borsa valori anche se molto speculativa e mal regolata. Si registrò un sistema bancario piuttosto debole e spesso infiltrato da gruppi di potere politico-finanziari e dalla mafia russa. C'era un sistema fiscale poco adeguato e mancava la presenza delle authorities. costruzione delle conoscenze della economia di mercato vi è una scarsa presenza di professionisti imprenditori, manager, econo Continua »

vedi tutti gli appunti di economia-internazionale »
Carica un appunto Home Appunti