L'industria dell'automobile

Appunto inviato da dele82 Voto 3

Tappe dello sviluppo delle techiche produttive dell'industria dell'automobile nel mondo.(2 pagg. formato word) (0 pagine formato doc)

LÿINDUSTRIA DELLÿAUTOMOBILE L'INDUSTRIA DELL'AUTOMOBILE L'industria dell'automobile viene presa a simbolo dello sviluppo industriale di tutto il mondo, perchè tutti i paesi sono coinvolti nella produzione di un bene a larga diffusione, e che ha portato a trasformazioni della società notevoli. Si dice che la macchina ha cambiato il mondo e viceversa. Si possono individuare 3 fasi nello sviluppo di questa industria: 1. La produzione iniziale (avviata a Francoforte e Parigi, soprattutto) agli inizi del 1900 è caratterizzata da: • modelli unici e non di serie; • tanti artigiani si riuniscono (per questo lo sviluppo nelle grandi città) e producono ognuno un pezzo a mano; • artigiani specializzati si scambiano informazioni e nelle officine montano i pezzi. • il prodotto ha un costo elevatissimo. 2. Svolta portata da Henry Ford: pensava che il costo doveva abbassarsi, e per far questo si doveva produrre le automobili in serie. Quindi: • aumento della produttività perchè le persone ripetevano la stessa mansione di 1 minuto per 8 ore rimanendo al loro posto seguendo il pezzo sulla catena; • < costo del prodotto; • Ford per vendere ha bisogno di compratori e aumenta perciò i salari dei dipendenti; • abbassamento della classe operaia, anche con forte utilizzo di immigrati e un riciclo continuo del personale(non si voleva che i dipendenti creassero problemi): Ford non aveva bisogno di artigiani capaci, ma di operai che sapessero fare una sola cosa e produrre il massimo; • appartenenza nulla degli operai alla vita aziendale, solo interesse al salario (anche i sindacati lottano solo per questo). Questo sistema è stato copiato da tutta Europa, anche la rotazione dei dipendenti con molti immigrati, e il tutto è rimasto fino a 20 anni fa. In Italia, è stato diverso: operai della Fiat tutti italiani che si associavano insieme per la tutela dei loro diritti; il che ha fatto nascere continue tensioni tra imprenditori e lavoratori. 3. La rivoluzione giapponese ha una logica diversa: • la produzione di modelli diversificati a basso costo ; • un sostanziale cambiamento della piramide organizzativa, con soli 4 livelli, operai intelligenti, acculturati e polivalenti che sanno lavorare in equipe e analizzare i problemi risolvendoli e fermando anche la catena di montaggio; • cambiamento della situazione salariale, con incentivi di produzione e anziani ancora al lavoro. Il tutto affidandosi anche al just in time (la produzione di diverse parti all'esterno, con un rapporto perfetto tra impresa madre e fornitore) che ha poi portato all'adozione dei Transplants, ovvero industrie in tutto il mondo che riescono ad adattarsi alla cultura del luogo, alle opportunità ecc.... I sistemi produttivi sono orientati I giapponesi studiano uno per uno le parti di una macchina, e producono in base alla richiesta del mercato azzerando i costi di magazzino. La risposta italiana a tutto ciò si è orientata in due direzioni: • gra