Il Monopolio In Economia Politica - Appunti di Economia gratis Studenti.it

Il monopolio in economia politica: La caratteristiche die mercati non concorrenziali, la curva di domanda e la linea prezzi-quantità vendure; le curve del ricavo totale e del ricavo marginale, la soluzione del problema del monopolista nel BP, confronto tra concorrenza e monopolio e una mis ( formato doc)

VOTO: 0 Appunto inviato da alepa

44- LE CARATTERISTICHE DEI MERCATI NON CONCORRENZIALI LE CARATTERISTICHE DEI MERCATI NON CONCORRENZIALI Un `industria perfettamente concorrenziale comprende un gran numero di imprese che offrono un bene omogeneo. I prezzi dei beni e dei fattori non vengono influenzati dal comportamento di un singolo consumatore o di una singola impresa: consumatori e imprese agiscono subendo i prezzi ossia accettandoli come un dato nella soluzione dei loro problemi individuali di scelta. Nei mercati non concorrenziali le azioni di uno o più compratori o venditori influiscono in maniera evidente sul livello del prezzo, cosicché il prezzo non rappresenta più un dato del problema: il prezzo diventa una variabile che dipende dal livello della quantità singolarmente domandata o offerta. I mercati dei beni e dei fattori vengono classificati a seconda del numero dei venditori o dei compratori che ne fanno parte. Un mercato costituito da un solo venditore è un monopolio, quello costituito da due venditori è un duopolio e quello con un numero di venditori di poco superiore a due è un oligopolio. L'esistenza di un numero limitato di venditori e compratori non è la sola condizione che consente di influire sul prezzo. E' sufficiente che le imprese appartenenti alla stessa producano beni strettamente succedanei, ma tra loro differenziati. Un'industria costituita da un gran numero di imprese che offrono beni simili, ma differenziati l'uno dall'altro si definisce monopolisticamente concorrenziale: ciascuna impresa ha un certo controllo sul prezzo di vendita del proprio prodotto e viene dunque a trovarsi in un una situazione non dissimile da quella del monopolista puro. Tuttavia un'impresa di questo tipo ha capacità ridotta di influire sul prezzo del bene che produce: una variazione di prezzo provocherà uno spostamento degli acquirenti da o verso mercati concorrenti. LA CURVA DI DOMANDA E LA LINEA PREZZI-QUANTITA' VENDUTE; LE CURVE DEL RICAVO TOTALE E DEL RICAVO MARGINALE Il mercato di monopolio è caratterizzato da tantissimi e “piccolissimi” compratori e da un solo venditore o MONOPOLISTA. Il monopolio è caratterizzato da: Il monopolista offre un bene omogeneo (le unità del bene X sono identiche una dall'altra); I consumatori sono, dal punto di vista del venditore, del tutto identici uno dall'altro; I consumatori sono perfettamente informati sul prezzo al quale ciascuno di essi può acquistare il bene offerto sul mercato e conoscono l'ammontare delle transazioni correnti ad ogni livello di prezzo; Il monopolista è libero di vendere la quantità che desidera e ciascun compratore è libero di decidere, al prezzo stabilito dal monopolista, quale quantità acquistare. Tenuto conto del fatto che la quantità domandata da ciascun richiedente è trascurabile rispetto a quella complessivamente richiesta da tutti coloro che appartengono al lato della domanda di mercato, nessun richiedente penserà di poter influire direttamente, sul livello del prezzo e deciderà, in base al prezzo Continua »

vedi tutti gli appunti di economia »
Carica un appunto Home Appunti