Il condensatore: Funzionamento, struttura e capacità elettrica del condensatore. (file.doc, 4 pag) ( formato doc)

VOTO: 5 Appunto inviato da jun20

Due lastre metalliche aventi cariche opposte e poste l'una di fronte all'altra ad una distanza piccola rispetto alle loro dime Due lastre metalliche aventi cariche opposte e poste l'una di fronte all'altra ad una distanza piccola rispetto alle loro dimensioni, costituiscono un condensatore.Tra le due piastre, che vengono dette armature, si forma un campo elettrico, le cui linee di forza sono parallele e vanno dall'armatura carica positivamente a quella carica negativamente; l'intensità del campo elettrico prodotto da un condensatore è uguale alla somma dei campi elettrici generati dalle due armature. Possiamo osservare che i campi elettrici prodotti dalle singole piastre all'esterno si sottraggono mentre all'interno si sommano.Tenendo conto che il campo elettrico di ciascuna armatura è costante ed è espresso dalla relazione: E=o/2eo dove: o=omega=densità superficiale di carica della lastra;eo=epsilon 0=costante dielettrica nel vuoto; concludiamo che il campo elettrico di un condensatore all'esterno è nullo, mentre nello spazio compreso tra le due armature è costante e uguale al doppio del campo prodotto da una piastra, perciò:E=o/eoOgni condensatore ha una sua capacità, che è definita dal rapporto:C=Q/V2-V1dove V1 e V2 sono rispettivamente i potenziali dell'armatura negativa e di quella positiva, e Q è la carica di ciascuna armatura; poiché i potenziali V dipendono direttamente dalla carica Q, si può notare che la capacità non dipende dalla carica sulle armature, ma dalla geometria del condensatore stesso e dal dielettrico interposto tra le armature.Tutto ciò che potevo dire sul condensatore era questo, ed effettivamente mi sentivo molto fiero di me per tutto quello che ricordavo. Ma, a pensarci bene, non sapevo assolutamente dire a che cosa servisse un condensatore in un circuito; così, con un po' di vergogna, chiesi al mio amico (che aveva fatto solamente la terza media) una breve spiegazione, e lui mi rispose:Il condensatore di tensione è uno strumento che serve a mantenere un segnale stabile, cioè a "pulire" l'alimentazione, assorbendo gli eccessi e compensando i difetti; oppure può anche essere utilizzato per dare una grande quantità di energia in poco tempo: messo in serie con una resistenza, accumula tensione tanto quanto la sua capacità gli permette, dopodiché la scarica tutta in un tempo brevissimo (un esempio potrebbe essere il flash di una macchina fotografica).Beh, il mio amico non sapeva tutto quello che sapevo io sul condensatore, anzi, probabilmente non aveva neanche la benché minima idea su come funzionasse, eppure sapeva come usarlo, sapeva dove inserirlo in un circuito e cosa avrebbe provocato: sapeva che cos'era realmente un condensatore.Una volta tornato a casa, cercai sul libro di fisica e trovai, insieme ad un sacco di altre formule, qualche riga sulla sua utilizzazione concreta:"...vengono usati per ridurre le fluttuazioni della tensione degli alimentatori, per generare o rivelare onde elettromagnetiche a radiofrequenza e Continua »

vedi tutti gli appunti di elettronica »
Carica un appunto Home Appunti