Concezione di Stato e Giusnaturalismo in Locke e Hobbes: Articolo sulla concezione di stato e Giusnaturalismo in Locke e Hobbes."Senza stato civile, l'individuo è pura sensibilità (istinto diremmo oggi), "homo homini lupus" che vive in un mondo di "bellum omnium contra omnes"..." (file.doc, 2 pag) ( formato doc)

VOTO: 6 Appunto inviato da winz

Concezione di stato e Giusnaturalismo in Locke e Hobbes Concezione di stato e Giusnaturalismo in Locke e Hobbes. T. Hobbes. L'Etica trova spazio, nel corso della storia, nell'indole naturale umana che è una forma di edonismo egoistico. Cioè, per H, ogni uomo, allo stato naturale, pensa e agisce per sé, per soddisfare i propri bisogni e realizzare i propri desideri, il che è un assunto antropologico. Senza stato civile, l'individuo è pura sensibilità (istinto diremmo oggi), "homo homini lupus" che vive in un mondo di "bellum omnium contra omnes" ridotto ad una bestia colma d'aggressività e paura. Ciò ha portato necessariamente (perché situazione contraddittoria) alla formazione dello Stato per mezzo del contratto sociale, opera di ragione. Sul piano epistemologico, allo "sciocco razionale" che agisce sempre e solo in vista di ciò che è immediatamente vantaggioso, H dimostra che l'accettazione e il rispetto di un fondamento etico comune (di leggi sociali) è sempre vantaggioso. Una volta giustificata la necessità dello Stato si giustifica la necessità di limitare l'autonomia del cittadino, perché solo un contratto tra i singoli può portare alla stabilità sociale. Su quali basi? Anche H riconosce, come gli altri giusnaturalisti, l'esistenza di leggi naturali, o meglio, divine, ma attenzione alla novità: tali leggi, seppur infuse da Dio nell'uomo, risultano inefficaci a sé sul piano pratico e vengono rivalutate come diritti fondamentali dell'uomo, cioè sfruttate razionalmente come strumento ad hoc per salvaguardare la pace sociale. Esempio: l'uomo naturale sente che non deve rubare, ma rispetterà tale legge solo se è sicuro che gli altri suoi simili la rispetteranno, e da qui la necessità del contratto. Dicevamo dell'autonomia. Il garante del contratto sociale è l'autorità che, per essere efficiente, deve avere tutto il potere coercitivo. Cioè, a differenza di Grozio o Pufendorf, per H il contratto non è tra il popolo e la sovranità, che si contendono diritti e doveri, ma tra tutti i singoli che decidono di dare potere illimitato all'autorità. Questa prospettiva un po' cinica di vedere la pace e la stabilità (tanto agognate ai suoi tempi!) garantite da un principio etico (tale infatti è dare il potere assoluto ad un sovrano) derivato da una contrattazione iniziale, è per certi versi bilanciata da un certo limite interno dovuto alla portata del contratto: per H infatti, i pensieri e i sentimenti esulano da ogni patto. Quindi, il cittadino di un sovrano ingiusto può trovar salvezza nella fuga. J. Locke. Come Hobbes è calato nella corrente del giusnaturalismo, però Dio fa da protagonista. Cioè, tutto lo spazio dell'etica si esaurisce nel comando divino; ed infatti tale concezione entrò in crisi con il propagarsi del dubbio agnostico. L voleva "salvare capra e cavoli" se mi concedete l'espressione; da una parte, garantire il diritto naturale come diritto divino, dall'altra avvalorare l'empirismo. Ciò si traduceva nel compito di dimostrare che le leggi na Continua »

vedi tutti gli appunti di filosofia »
Carica un appunto Home Appunti