Mito Di Orfeo- Orfismo - Appunti di Filosofia gratis Studenti.it

Mito di Orfeo- Orfismo: Ricerca sul mito di Orfeo e sulle principali caratteristiche dell' Orfismo (11 pagine formato doc)

VOTO: 5 Appunto inviato da carpans

ORFICI ORFICI L'orfismo è il più grande fenomeno religioso di carattere mistico che si affacci alla Grecia del sec.VI. In quest'epoca agitata l'orfismo rappresenta, nella religione, l'anelito alla liberazione da un regime di oppressione e di violenza, il sacro rifugio degli spiriti migliori, dove è promesso agli adepti conforto nel presente, libertà nel futuro. Presso gli Orfici si trova un vivo orrore per il sangue, e al contrario un forte desiderio di Giustizia (Dike) e di Legge (Nomos). Il dio centrale è Dioniso caratteristico sopratutto per i suoi patimenti e per la sua morte ingiusta, invece degli dei Olimpici che avevano fatto la gloria delle vecchie aristocrazie guerriere cantate da Omero. Perciò specialmente questo movimento mistico trova simpatica accoglienza presso i tiranni che si poggiano sul popolo per abbattere l'oligarchia. L'orfismo si presenta come una sistemazione teologica dei misteri di Dioniso. Gli Orfici hanno accettato la figura di questo dio il più estraneo al pantheon olimpico, il più vicino all'anima del popolo per la sua vita fatta di emozioni profonde; hanno accettato anche il rituale di uccisione dell'animale sacro con ingestione delle sue carni crude (omwjagia); ma hanno considerato questo sacrificio, come il memoriale, la riproduzione di un sacrificio primordiale, in cui Dioniso, sotto la forma di toro, subì per altrui violenza lo sbranamento (sparagmoz): odioso deicidio, gravido di conseguenze per la storia dolorante dell'umanità, ma dal quale è pur scaturita la scintilla divina che si cela nella cenere della nostra materia, che solo la disciplina orfica può liberare facendola risalire al suo principio. Nella teologia orfica il mito di Dioniso viene inquadrato in una cosmogonia, la quale, presso un popolo, in cui era viva la tradizione di Esiodo, non poteva essere che quella esiodea, almeno come trama fondamentale, salvo quelle modificazioni che i caratteri peculiari della nuova credenza esigevano. Anche fra gli Orfici (e ne dobbiamo a Ferecide di Siro l'elaborazione conservataci dai frammenti del suo Pentemuchos "l'antro dai cinque fondi", che sarebbero le cinque parti o elementi dell'universo: acqua, aria, terra, fuoco e tartaro) il mondo ordinato, il cosmo si sviluppa da un caos primitivo, per virtù di impulsi successivi, dovuti a figure divine, le quali però più che un valore naturistico, come nella teogonia esiodea, hanno un valore filosofico morale, conforme al pensiero orfico. Tre sono le essenze primordiali Zas (da zhn = vivere) che è il principio della vita; Chronos, il principio del tempo; Chthoniè, il principio della materia. Sono queste che operano l'ordinamento del mondo dopo una lotta che Chronos sostiene contro Ophioneus, il serpente, che è il principio del caos, lotta che ricorda quella della Cosmogonia babilonese tra il luminoso dio ordinatore Marduk contro il dragone Tiàmat. Secondo un'altra versione, raccomandata alle così dette Rapsodie (orfiche) il cui contenuto ci è conservato da Damascio, ne Continua »

TAG: orfismo
vedi tutti gli appunti di filosofia »
Carica un appunto Home Appunti