Storia della fotografia: riassunto

Appunto inviato da coccinelletta Voto 5

la fotochimica primitiva, camera oscura, calotipo, dagherrotipo, lastra umida al collodio, lastra a secco e oltre (5 pagine formato doc)

Storia della fotografia: riassunto. Fotografia = scrivere o disegnare con la luce. Per avere una buona immagine bisogna avere una buona luce.
A seconda dell'immagine = luce flash = emette spilli fotografici. Nel 1500 Leonardo, in una stanza buia, con pareti nere, tranne una, bianca,opposta a quella verso l'esterno; in questa al centro, un buco grosso come uno spillo. Fuori un edificio ben illuminato dal sole.

Leggi anche Tesina sulla storia della fotografia

La luce, colpendo l'edificio fuori stante, passa attraverso il foro stenopeico della stanza, riflettendo l'immagine, però inversa, sinistra a destra e viceversa, sopra e sotto e viceversa. Luce = velocità di 300.000 km al " ca. nel vuoto; con la presenza dell'atmosfera cambia di poco. Si propaga in modo rettilineo, è un fenomeno elettromagnetico, si muove in modo ondulatorio, dove ci sono dei corpuscoli = fotoni.

Leggi anche Significato della fotografia

Un raggio di luce su una superficie speculare (simile allo specchio), si riflette con lo stesso angolo di incidenza.
Un raggio di luce si moltiplica nel momento in cui incontra un pulviscolo o una goccia d'acqua. Nel 1530 Giovanni Battista della Porta pubblica un libro "le immagini naturali", commercializza piccole camere obscure che si chiamano macchine per disegnare, o per disegnatore.