Le obbligazioni naturali: Appunti sulle obbligazioni naturali tratte dal libro "Le Obbligazioni naturali" di Enrico Moscati - Università di Roma tre. (documento doc 4 pagg.) ( formato doc)

VOTO: 5 Appunto inviato da cerbiatta

LE OBBLIGAZIONI NATURALI LE OBBLIGAZIONI NATURALI SOLUTI RETENTIO > irripetibilità di quanto pagato spontaneamente* Segue…….. Questo è chiamato “riconoscimento indiretto” > l'ordinamento riconosce le obbl. naturali solo dopo l'adempimento spontaneo. interviene personalmente accordando il principio della Incoercibilità, ossia non sono oggetto di esecuzione forzata. Interviene solo per controllare le modalità di adempimento che sono uguali a quelle delle obbl. civili, ma solo dopo che il soggetto abbia adempiuto spontaneamente. LE OBBL. NATURALI NON PRODUCONO ALTRI EFFETTI OLTRE ALLA SOLITI RETENTIO!!!!! 2034 2° comma > eco del timore che un riconoscimento più ampio delle obbl. naturali possa far penetrare i doveri morali e sociali nel nostro ordinamento in misura tale da compromette la statualità del diritto. LA DOTTRINA FRANCESE DELL' 800 La dottrina francese dell'800 aveva inizialmente considerato queste obbl. come “obbl. civili imperfette”, ossia erano comuni obbligazioni civili che però si distinguevano da quelle originali solo per il requisito della coercibilità. Quindi si vedevano i due tipi di obbligazioni allo stesso modo con la differenza che alle seconde non era stato accordato un riconoscimento totale me “imperfetto”. Quello che non era chiaro era però come le obbl. civile (un semplice debito) potesse divenire poi obbl. naturale dopo la sua prescrizione, e vi rimanevano escluse tutte quelle obbligazioni nelle quali non fosse identificabile una precedente obbligazione civile. Successivamente ci fu un ritorno alla concezione dei giusnaturalisti e di Pothier, che consideravano queste come una materia a se stante e come “i doveri della coscienza e dell'onore”. I giusnaturalisti in particolare avevano costruito questa categoria poiché doveva raccogliere tutte quelle ipotesi e quei casi che presentavano qualche difformità rispetto allo schema tipico delle obbl. civili. Questa nuova concezione portava ad ampliare la categoria e ad immettervi OGNI tipo di dovere morale : beneficenza, vincoli di sangue, pietà filiale…. E tutto questo creò non poco scompiglio per gli interpreti, così le codificazioni più recenti sono state ben attente all'ampliamento della materia e ce lo dimostra come detto il 2° comma dell'art. 2034- LA DOTTRINA ITALIANA DEL C.C DEL 1865 Anche in Italia successe qualcosa di analogo alla Francia e anche qui dopo molto si giunse all'opinione che le obbl. naturali si dovevano identificare come i doveri morali e sociali, anche se una piccola minoranza era rimasta legata alla vecchia ideologia francese che le vedeva obbl. vere e proprie con l'unica differenza della coercibilità. Nel nostro paese però si cercò in qualche modo di circoscrivere la materia e di evitare quello che in Francia aveva portato ad un ampliamento esagerato della materia. Infatti iniziarono a precisare che dai doveri morali e sociali dovevano restare fuori i doveri di carità e beneficenza e si Continua »

vedi tutti gli appunti di giurisprudenza »
Carica un appunto Home Appunti