Teoria Dell'interpretazione Delle Leggi - Appunti di Giurisprudenza gratis Studenti.it

Teoria dell'interpretazione delle leggi: Fondamenti teorici delle interpretazione delle leggi da applicare. (file.doc, 9 pag) ( formato doc)

VOTO: 5 Appunto inviato da

I vari tipi di interpretazione CAP.2: L'ATTIVITA'INTERPRETATIVA Ci sono 2 fondamentali accezioni d'inter. La 1°è sinonimo di interpretare, e si riferisce ad 1 fenomeno mentale, come attribuire 1 significato ad 1 documento. Ciò significa che chi vuole intendere la portata precettiva di tale art.deve sobbarcarsi l'operazione mentale di attribuire significato ai vocaboli in esso contenuti e in relazione con gli altri artt.contestuali. È solitamente oggetto di discorsi persuasivi, propagandistici e ideologici, e si riferiscono all'inter-attività.Es.interpreto l'art.40 come l'ascrizione del diritto d'astensione dal lavoro anche x motivi di natura politica. La 2°accezione indica il”prodotto”dell'attività interpretativa, cioè il risultato dell'aver interpretato, incorporato in 1 documento, che vede già compiuto il fenomeno mentale, ed è dotato di max o min rilevanza a 2 di chi ha svolto l'attività. Es.La CC interpreta l'art.40 nel senso che il diritto di sciopero include lo sciopero politico. Il prodotto dell'inter.e i suoi documenti è solitamente oggetto dei discorsi giuridici descrittivi, e si riferisce all'inter-prodotto. Entrambe le entità sono pari; privilegiare l'inter.attività fa sopravvalutare i fenomeni mentali dati o dalla dottrina giuridica, o dagli operatori, o dagli individui. Privilegiare l'inter.prodotto significa sopravvalutare tutti gli elementi di conservazione e di immobilità delle org.giuridiche a scapito dei fattori di mutamento. 1 altra distinzione riguarda il lessico, dove i termini interpretare e applicare e i sostantivi inter.e applicazione nn sempre coincidono completamente. Es.La cassazione applica la legge X o interpreta la legge X. Altre volte xò i termini nn sono fungibili: La legge X nn si applica +, la legge x nn s'interpreta +. Il tutto dipende dalla natura del soggetto dell'inter, ma esiste anche 1 di sovrapposizione, x alcune ragioni culturali, insite in 2 credenze. 1) che nel diritto possa conoscersi indipendentemente dall'utilizzazione e applicazione. 2) che xò 1 diritto, x essere applicato, deve essere contestualmente conosciuto. All'origine di queste 2 credenze c'è la dottrina della scuola di diritto di Savigny, secondo cui il giudice che compie l'attività è parificato nelle sue mansione intellettuale allo scienziato del diritto. Indi, nn è possibile x 1 giudice applicare 1 lex senza intepretarla. Le 2 applicazioni nn sono scindibili, ma nell'applicazione è implicita nella stessa inter. Ciò è riferito soprattutto alle attività dei giudici, che influenzano notevolmente la stabilità del sistema giuridico. H.Kelsen qualifica l'applicazione del diritto da parte degli organi come creazione del diritto e qualifica il prodotto dell'applicazione come norma individuale. Quindi parifica sotto lo stesso termine”norma”sia l'oggetto sia il prodotto dell'inter. La coerenza del sistema è assicurata da 1 gerarchia di norme, dove le superiori delegano il potere a quelle inferiori e le convalidano. H.Hart es Continua »

vedi tutti gli appunti di giurisprudenza »
Carica un appunto Home Appunti