Controllo utente in corso...

La Scapigliatura: Analisi della corrente e dei maggiori autori esponenti (7 pagine formato doc)

VOTO: 6 Appunto inviato da vdavid

La Scapigliatura
Siamo nella seconda metà dell'800. Dal punto di vista sociale si ha l'ascesa della borghesia e anche lo sviluppo del proletariato in Italia. Quindi abbiamo anche l'incremento dell'industrializzazione.
Abbiamo l'ampliamento delle conoscenze scientifiche e anche dell'applicazione di queste conoscenze alla tecnica -> periodo invenzione: elettricità, telefono, motore a scoppio e macchina da scrivere. Si lascia alle spalle l'idealismo, c'è fiducia nella scienza e c'è ottimismo. Globalmente è un'epoca di progresso, però esso si lascia alle spalle dei vinti, cioè coloro che non riescono ad adeguarsi.
Tra questi che rimangono indietro possiamo inserire anche gli intellettuali. Nei secoli precedenti la cultura italiana, soprattutto la letteratura, aveva costituito il fondamento della nazione italiana, il motivo unificante visto che non esisteva un'Italia dal punto di vista politico.


Oltretutto nel Romanticismo, la letteratura aveva dato voce alle istanze patriottiche per cui gli intellettuali erano diventati anche le guide del processo di rinnovamento e di impegno per la libertà. Ora però il regno d'Italia è stato fatto e quindi gli intellettuali non hanno più questa posizione. Molti di essi non accettano le strutture della società borghese che in questo periodo si era costituita, perché in essa vedono che i loro ideali, i valori, l'arte sono messi da parte, in quanto anche l'arte stessa diventa uno strumento di guadagno perciò si perde atteggiamento disinteressato che per secoli avevano interessato gli artisti. L'intellettuale deve tener conto dei gusti del pubblico, non è più libero, altrimenti rischia di non vendere.


Continua »

vedi tutti gli appunti di italiano »
Carica un appunto Home Appunti
Pagina eseguita in 0.101694107056 secondi