Riassunto su Alessandro Manzoni

Appunto inviato da chiaraa23 Voto 5

riassunto sulla vita di Manzoni, i Promessi Sposi, l'Utile, il Vero e l'Interessante, le Tragedie (4 pagine formato doc)

Riassunto su Alessandro Manzoni - Ogni sua opera letteraria è collegata al periodo storico, alla sua personalità e alla sua vita.
Nasce a Milano nel 1785. La madre ha sposato il Conte Pietro Manzoni ma non è il suo vero padre perché lei era già incinta di uno dei fratelli Verri. Suo nonno era un illuminista.
Padre e figlio vengono abbandonati dalla madre quando è ancora piccolo.
La madre, Giulia Beccaria, ha costumi liberti perché cresciuta con un padre illuminista. È molto colta e viaggia spesso. L’abbandono della madre ha contraddistinto la personalità di Alessandro. Il padre non riesce a crescerlo da solo, quindi lo mette in un collegio religioso. Riceve un’educazione cristiana. In futuro Alessandro rifiuterà la religione ma poi tornerà di nuovo alla cristianità. Questo è un passo della sua vita che segna il suo pensiero.

Leggi anche Riassunto della biografia di Manzoni

Alessandro era molto riservato, schivo, poco socievole, è la madre che lo aiuta a socializzare quando si trova a Parigi poiché lei  è molto socievole. Manzoni vedeva il padre solo in vacanza sul Lago di Como.
L’inizio de “I Promessi Sposi” è una descrizione della sua adolescenza quando usciva dal collegio. Si sente vicino a quei luoghi. A 16 anni torna a vivere con il padre, rifiuta la religione cristiana perché gli era stata imposta. Si dedica allo studio dei poeti contemporanei francesi e diventa anche amico di Foscolo.
Nel 1805 Manzoni cambia vita. La madre perde il suo grande amore Carlo Imbonati quindi scrive una lettera a suo figlio e lui parte immediatamente per andare a Parigi a conoscere la madre mai conosciuta. I due stabiliscono da subito un grande rapporto affettivo. Questo è il primo grande cambiamento della sua vita.
La madre frequentava intellettuali illuministi quindi da questo momento ha una formazione illuminista. Nel romanzo, infatti, ci sono aspetti illuministici della sua nuova cultura. Fauriel è un suo grande amico francese con cui resterà in contatto anche quando tornerà a Milano.

Leggi anche Riassunto breve su Manzoni

Manzoni ha una visione giansenista divisa in due parti: bene e male; buoni e cattivi - il romanzo riprende questo aspetto. Essendo cristiano, nel romanzo vincerà sempre il bene anche se all’inizio non sembra.
Inizia un percorso verso il cristianesimo (altro grande cambiamento nella sua vita). Anche la madre si converte. Prima del suo ritorno al cristianesimo, Manzoni incontra una calvinista di famiglia ricca che rifiuta la religione cristiana: la prima moglie di Manzoni, Enrichetta Blondel. Si sposano a Milano con un  matrimonio religioso.
Nel 1810 lascia Parigi e torna a Milano.

Leggi anche Tema sul pensiero politico di Manzoni