La Descrizione Della Peste - Appunti di Italiano gratis Studenti.it

La descrizione della peste: Appunto sulla descrizione della peste nel Decameron del Boccaccio. Vivido documento della situazione politica e sociale del tempo (1 pagine formato doc)

VOTO: 5 Appunto inviato da valjyna

La descrizione della pesta, introduzione al Decameron del Boccaccio, è un vivido documento della situazione politica e sociale La descrizione della pesta, introduzione al Decameron del Boccaccio, è un vivido documento della situazione politica e sociale del tempo all'interno della città di Firenze. La pestilenza ha sconvolto tutti gli equilibri preesistenti, comportando un ribaltamento dei valori, infatti si verificano fatti scandalosi per la mentalità del tempo. La gente si divide in gruppi di diversa opinione: alcuni sono convinti di scampare alla pestilenza vivendo moderatamente e in completo isolamento cibandosi di delicatissimi cibi e ottimi vini; di diversa opinione erano altri che si davano a una vita , dandosi quindi a tutti i divertimenti possibili tenendosi comunque lontani dagli ammalati. Approfittando della morte di molte persone i sopravvissuti, non avendo più freni inibitori, approfittavano delle proprietà altrui senza che nessuno dicesse niente, la città, infatti, era caduta nell'anarchia, essendo morta la maggior parte dei funzionari pubblici, le leggi non erano più rispettate . Di conseguenza in questo clima anche i costumi morali decadono: il Boccaccio cita come esempio il fatto che le donne non avevano più il pudore di non farsi curare da persone dell'altro sesso ma senza alcuna vergogna ogni parte del corpo aprire; ma ormai la gente non si faceva problemi ad abbandonare anche un famigliare malato nella logica di pensare solo alla propria sopravvivenza. I servi, spinti da una irrefrenabile sete di guadagno, erano gli unici ad assistere gli ammalati, almeno in teoria perché l'autore dice che assistevano solo immobili alla morte del padrone senza far niente, per poi ammalarsi molto probabilmente a loro volta e no riuscire neanche a sfruttare i loro guadagni. Nelle campagne i contadini non si occupavano più del bestiame facendolo scappare per i campi, visto che gli uomini non pensavano a ricavare profitti dai campi o dalle bestie ma di spendere quelli già guadagnati in attesa della morte. In questo clima di rovesciamento dei costumi si dice che la peste abbia ucciso nella sola città di Firenze centomila persone. Continua »

vedi tutti gli appunti di italiano »
Carica un appunto Home Appunti