Ultimo canto di Saffo: analisi del testo

Appunto inviato da enricogava Voto 5

Breve analisi strutturale, formale e sintattica e commento dettagliato con riferimento alle fasi letterarie leopardiane. Analisi del testo di Ultimo canto di Saffo (1 pagine formato doc)

ULTIMO CANTO DI SAFFO: ANALISI DEL TESTO

Ultimo canto di Saffo diGiacomo Leopardi. Fu composto a Recanati ne 1822. Fa riferimento alla poetessa greca Saffo del VII-VI secolo a.C. che secondo la leggenda si sarebbe uccisa gettandosi dal promontorio di Leucade per amore del giovane Faone. Il canto si apre con un notturno di riferimento omerico. Saffo dice che la natura ora che è infelice non gli è più cara e che non gli piace più il paesaggio armonico perché soffre.

Ad Agnelo mai: analisi e commento della canzone di Leopardi


L'ULTIMO CANTO DI SAFFO ANALISI

Piuttosto ella si riconosce in un paesaggio tempestoso. Saffo desidera la natura, ma allo stesso tempo si rende conto di esserne esclusa. È il tema della scissione io-natura. Qualsiasi elemento della natura la rifiuta. Saffo depreca di non aver goduto della giovinezza e suppone che ciò sia dipeso da qualche colpa commessa nell'infanzia.

Ultimo canto di Saffo: commento della canzone di Leopardi


LEOPARDI L'ULTIMO CANTO DI SAFFO ANALISI

Saffo si domanda dove sia il problema, se prima di nascere o dopo, quale sia il peccato originale per trovarsi quel volto. È il mistero a determinare gli eventi. È il tema della sofferenza per le sembianze e del mistero della distribuzione dei beni e dei mali. Giove diede un potere enorme alle sembianze. Saffo si chiede se la virtù possa risaltare in un corpo deforme. Saffo dichiara il suo intento di morire. L'unica possibilità di ribellione è la morte. Il canto segna la conclusione definitiva del pessimismo storico di Leopardi. La crudeltà della legge naturale del destino accomuna tutti gli uomini.