Verga: opere, narrativa e produzione teatrale: Appunti su Verga: con le principlai opere, la narrativa e una particolare attenzione alla produzione teatrale (1 pagine formato doc)

VOTO: 3 Appunto inviato da bravissimo

IPPOLITO NIEVO(1831-1861) IPPOLITO NIEVO(1831-1861) Lo analizziamo perché fra Verga e Manzoni ci sono 40anni di distacco e in questi si inserisce Nievo e poi per un interesse narratologico:il suo modo di narrare anticipa quello degli scrittori del 900(Joice,Svevo).Nievo muore giovanissimo e in pochissimi anni ha scritto di tutto(novelle,rom. Storici..)Riguardo il rom storico si dice sia stato inventato da manzoni in realtà nel 1816 Pietro Borsieririteneva il rom storico una necessità per la letteratura moderna.La pubblicazione dei promessi sposi avvenne nel 1827 ma abbiamo dei precedenti:Bertolotti,D'Azeglio,Guerrazzi, Falletti.Nel 1850 Manzoni scrive un saggio breve”de romanzo storico”dove esprime l'impossibilità di scrivere un rom storico.Lui infatti non riteneva il suo un rom storico..aveva tentato ma aveva fallito..o fai la storia o fai il romanzo. Romanzo memorialistico: miscuglio fra rom storico e rom autobiografico patriottico con contesto storico contemporaneo all'autore. Novellistica campagnola:dove la vita contadina appare un paradiso terrestre. -le confessioni di un italiano:ultimato nel 58 ma pubblicato postumo.L'io narrante è Carlo Altoviti,ottuagenario che ricorda.Carlo è la maschera di nievo.Questo per ampliare la materia narrativa.Nievo avendo 30 poteva riferirsi solo alla sua infanzia e giovinezza,così invece può narrare infanzia,giovinezza,età adulta e vecchiaia.Nuovo modo di raccontare,diverso da Manzoni che non centrava niente con la narrazione.Il tempo della narrazione da oggettivo diventa soggettivo:il passato di Nievo è il trapassato di Carlo,il presente di Nievo è il passato di Carlo. TEMATICHE STORICHE:le vicende del territorio padano veneto dalla fine della repubblica veneta al risorgimento italiano. TEMATICHE AUTOBIOGRAFICHE:infanzia al feudo di fratta,l'amore di carlino e pisana,amori di altre coppie,peripezie,ritrovamenti,sacrifici eroici,guarigioni.IL FLUSSO DI COSCIENZA RIVIVE,GIUDICA,AMALGAMA LE VICENDE STORICO AUTOBIOGRAFICHE DI CARLINO O NIEVO. CONCLUSIONI OGGETTIVE:l'uomo non ha la qualità per vivere la storia che si svolge secondo un ritmo di dissoluzione che l'individuo non può che assecondare. CONCLUSIONI SOGGETTIVE:la coscienza consente di riappropriarsi della storia e di viverla così come la si percepisce. L'io narrante e l'io autore si sovrappongono ma non si identificano.Il tempo della narrazione apparentemente diacronico diventa sincronico(tutto avviene sullo stesso piano) e soggettivo.Sembra un romanzo realistico,in realtà è invenzione in quanto lui vive da vecchio,come se lo fosse ma in realtà non lo era.Anche il valore dei fatti si modifica..valgono nell'ottica del vecchio,hanno il valore conferito da carlino che li rivive ora come carlino bambino,ora come carlino giovane,ora come carlino vecchio.Nievo inventa il flusso di coscienza,immagina come un ottantenne possa vivere certe situazioni A 20 30 anni.Il tempo corrode,distrugge il progresso della storia..l'uomo si deve adeguare.Il senso Continua »

vedi tutti gli appunti di italiano »
Carica un appunto Home Appunti