Primo Levi - Appunti di Letteratura gratis Studenti.it
Controllo utente in corso...

Primo Levi: Commento sulle tre opere più importanti di Primo Levi: "Se questo è un uomo", "La tregua", "Sommersi e salvati".(2 pagg., formato word) ( formato doc)

VOTO: 3 Appunto inviato da farfa

PRIMO LEVI PRIMO LEVI Confronto tra le epigrafi delle sue opere. Se questo è un uomo. La tregua. Sommersi e salvati. Nell'epigrafe di "Se questo è un uomo", attraverso frequenti anafore, è messo in evidenza il contrasto tra vita e non vita, normalità e ribaltamento di ogni valore nel tentativo di distruggere l'uomo sia fisicamente, ma soprattutto moralmente, riducendolo a pura consistenza numerica. A Levi preme che tutta l'umanità si senta partecipe del torto che l'uomo ha subito da parte di un altro uomo e che nessuno debba sentirsi moralmente estraneo alla vicenda di Auschwitz. La testimonianza che Levi ci affida è una lunga meditazione sull'opera di annientamento della personalità umana, che costituisce il primo obiettivo dei campi di sterminio. Ne deriva il categorico imperativo di far sapere, di parlare per sé e per gli scomparsi, di richiamare l'intervento della ragione sulla follia, dei valori sulla passata inciviltà. Primo Levi parla dell'esperienza di ebreo nei lager non come un fatto concluso, un incidente della storia, ma come una vicenda da cui è possibile capire fin dove può giungere l'uomo, ed essendo ciò accaduto non si deve escludere che potrà accadere di nuovo. Nel prologo di "La Tregua" è presente il pensiero, sotto forma di sogno, di poter tornare a casa e raccontare, ma di non essere creduti ed ascoltati. Quindi per Levi il ritorno, come viene premesso nelle dediche al libro "La Tregua" e "Sommersi e salvati, non si riduce solamente al trauma di un inserimento sociale, ma il lager si cristallizza come un segno incancellabile di un tempo catastrofico mai concluso. Rivisitare con la memoria gli incubi del campo di concentramento non nasce dall'entusiasmo del dopoguerra, dalla fiducia nel futuro e da scelte ideologiche, ma dalla volontà di guarire da una violenza interna che "scotta", come dice il prologo di Sommersi e salvati. L'unico modo di liberarsi dalla memoria dolorosa è raccontare non solo per rendere testimonianza, ma per rompere la barriera di incredulità, per chi non è passato in quell'inferno. Analogia tra viaggio di Ulisse ed esperienza dei prigionieri del lager in "Se questo è un uomo". Il possibile riscatto dell'umanità, che consiste nel non dimenticarsi della propria natura, nasce in quest'episodio dai ricordi scolastici del canto dantesco di Ulisse, a cui Levi ricorre per parlare della cultura italiana a Jean. La stessa lingua diventa non solo veicolo di cultura, ma soprattutto un vincolo di amicizia, fraternità e umanità in un mondo, come quello del lager, deserto di sentimenti e che, per l'intreccio delle varie lingue, è simbolo di isolamento e confusione di valori. Il significato nascosto dell'episodio è quello di riscattare una realtà disumana, oppressa dall'odio e dalla sopraffazione e di riaffermare la vittoria dell'intelligenza sulla brutalità, la vittoria dell'uomo, con i suoi sentimenti, desideri, ricordi, per mezzo della poesia che è messaggio e conforto. Ulisse è l'eroe dantesco dell'avventura conosci Continua »

vedi tutti gli appunti di letteratura »
Carica un appunto Home Appunti
Pagina eseguita in 0.0387589931488 secondi