Commento della poesia "A Silvia": Commento della poesia "A Silvia" di Giacomo Leopardi (1 pagine formato doc)

VOTO: 6 Appunto inviato da twix1

Uno tra i componimenti più belli e più celebri di Leopardi è senz'altro rappresentato dalla canzone “A Silvia”. Questa canzone, composta dal poeta nel 1828, è dedicata ad una fanciulla, Silvia che per il poeta rappresenta i sogni e le illusioni giovanili. Silvia fu, probabilmente, una certa Teresa Fattorini, figlia del cocchiere di casa Leopardi, la quale morì giovanissima a causa di una malattia e della quale Leopardi era innamorato.

VITA DI GIACOMO LEOPARDI (Clicca qui >>)

Il poeta le si rivolge nella poesia ricordando il tempo felice della giovinezza in cui entrambi coltivavano speranze per il futuro, tradite poi dalla dura realtà della vita. In conseguenza, il poeta si “scaglia” contro la natura accusandola di ingannare i suoi figli non mantenendo le promesse di felicità che fa crescere nel loro animo. All'apparire dell'amara verità della vita, al cadere delle illusioni, secondo Leopardi non ci restano allora che una tomba disadorna e abbandonata e la morte che, inesorabilmente, pone fine ad ogni cosa. Il tema dominante della canzone è il ricordo del passato e delle dolci illusioni della giovinezza.

LE OPERE PIU' IMPORTANTI DI GIACOMO LEOPARDI (Clicca qui >>)

Nel componimento si evidenziano naturalmente ideali poetici del Leopardi quali il pessimismo che caratterizza la maggior parte delle sue opere, o la scelta della poesia come motivo di sfogo personale. Nella poesia emerge chiaramente la concezione leopardiana della natura e del destino dell'uomo. Sotto l'aspetto della tecnica poetica, la canzone si presenta di sei strofe libere, cioè di varia lunghezza, in cui si alternano endecasillabi e settenari. Il linguaggio si dimostra per lo più letterario e ricercato con accenni a forme e a tempi verbali ormai caduti in disuso (“spendea”, “porgea”,...).

IL PESSIMISMO DI LEOPARDI (Clicca qui >>)

La rima non è costante ma si rileva la sua presenza in punti indeterminati della poesia, perciò non è sottoposta a nessun tipo di vincolo. L'utilizzo della doppia coppia di aggettivi dal significato opposto permette a Leopardi di delineare un ritratto non solo fisico, ma anche psicologico di Silvia (“occhi ridenti e fuggitivi”, “e tu, lieta e pensosa”,...). Inoltre è presente una metafora: infatti nel verso numero 40, Leopardi paragona l'inverno che fa morire le piante tenere, alla malattia che portò la giovane Silvia alla tomba. La poesia mi è piaciuta molto per la sincera commozione che Leopardi è riuscito a conferire a questi versi. Continua »

vedi tutti gli appunti di letteratura »
Carica un appunto Home Appunti