Il Latino volgare

Appunto inviato da djgaya Voto 3

Dal latino parlato alla lingua volgare. ( 1 pag -formato word ) (0 pagine formato doc)

Letteratura Italiana : Letteratura Italiana : Il Medioevo =età di mezzo ,definizione ritenuta negativa poiché nasce all'interno di una battablia culturale volta a valorizzare il nuovo(Umanesimo) contro il vecchio .5° fino al 10°sec. CRISI ECONOMICA,CULTURALE,DEMOGRAFICA.Alto Medioevo (fino 1000) organizzazione politica era la Nobiltà terriera;Basso Medioevo (dopo 1000) organizzazione politica Feudalesimo contrapposto alla Borghesia Contemporaneamente alla crisi iniziano le invasioni barbariche,l'unica organizzazione ferma rimane la Chiesa e il Cristianesimo Barbari si convertono al Cristianesimo cedendo al potere della Chiesa.Il feudo era ritenuto un beneficio ,beneficio,prima temporaneo ,poi, ereditario.La società del tempo è una società Trifunzionale si divide in Oratores, Bellatores, Laboratores. Il Medioevo Latino è la cultura medievale in latino. La lingua parlata subisce le influenze linguistiche dei barbari, appunto nasce il VOLGARE _ dal latino parlato alle lingue Romanze_ Le invasioni barbariche avvengono da parte di Longobardi & Galli in piccoli gruppi che si insediano in diversi territori; la lingua parlata costituiva una parte del latino essa non fu modificata in modo radicale. La diffusione del latino popolareggiante avviene per due motivi: _ il prestigio di Roma viene meno _ diffusione del cristianesimo. Il latino viene trasformato internamente, esso perde: DESINENZE - um, - us scrivendo poco il concetto dei casi svanisce nel parlato perciò viene introdotto l'uso dei pronomi, degli articoli e aggettivi determinativi. Nell'anno 1000 c'è una ripresa economica, un aumento dei commerci, un aumento dei contratti di compravendita. La ripresa economica avviene velocemente perché si utilizzano le norme del diritto dettate dai romani. La società si divide in due classi sociali dal pinto di vista linguistico: POPOLO = LINGUA VOLGARE CLASSE DI ELITE' = LINGUA LATINA I primi uomini che provano a trascrivere il volgare parlato sono uomini con mentalità di legge, colti. ES: notaio - popolo L'uso del volgare è legato all'economia, alla ripresa economica dei commerci. L'individuo colto sente la necessità di scrivere in volgare, i precursori della scrittura in volgare sono: CLERICI VAGANTES, GIUDICI, NOTAI. I clerici vagantes erano uomini bilingui utilizzavano il latino morto imparato dai classici, e utilizzavano il volgare per il gusto di scrivere, per studio, per lavoro. Il primo passaggio nell'anno 1000 ad una lingua scritta, è un passaggio lento . I ceti emergenti in questo periodo sono: MERCANTI, MENESTRELLI-GIULLARI. I mercanti non avendo grossi interessi culturali, imparano a leggere e a scrivere per nenessità, per i loro commerci, per le loro attività pratiche, per la contabilità. Scrivono anche istruzioni per i figli e le memorie della famiglia. I menestrelli e i giullari cantano prima nelle piazze e poi nelle corti (nelle corti non conosce più nessuno il latino). Loro volgarizzano dei testi che conoscono poemi epici e poemi cavallereschi