I Promessi Sposi:quinto Capitolo - Appunti di Letteratura gratis Studenti.it

I Promessi Sposi:quinto capitolo: Riassunto del quinto capitolo dell'opera manzoniana.(formato word 1 pg) ( formato doc)

VOTO: 3 Appunto inviato da crycall2000

Riassunto 5° Capitolo de "I Promessi Sposi" Riassunto 5° Capitolo de "I Promessi Sposi" Padre Cristoforo giunge a casa di Lucia e trovatala con la madre si fa dar notizia del problema in questione. Saputo delle vicissitudini di Renzo e Lucia, esprimendo tutto il suo conforto nei confronti degli sventurati e biasimando i responsabili della storia in questione, padre Cristoforo si sforza di trovare un rimedio, giungendo poi alla conclusione che a parlare con don Rodrigo sarebbe stato proprio egli stesso. Accortosi poi dell'arrivo di Renzo si fa promettere che quest'ultimo non avrebbe tentato diverse soluzioni che la fede in Dio.Si dirige in seguito verso la residenza di don Rodrigo, scoprendo che si tratta di un palazzotto dall'aspetto elegante e in un certo senso violento, ma ciò che del paesaggio viene messo maggiormente in risalto sono le casupole - e i contadini che le abitano - che giacciono sulla strada che porta a don Rodrigo. Esse, già dal loro aspetto, comunicano un senso generale di oppressione e stento; per la strada sono visibili a padre Cristoforo numerosi bravi, personaggi di chiara tempra violenta.Giunto al palazzo il frate coglie don Rodrigo mentre pranza con il cugino conte Attilio, con il podestà e con il dottor Azzecca-Garbugli. È in corso un dibattito tra il conte e il politico a proposito di una vicenda riguardante un messaggero malmenato dal cavaliere al quale aveva consegnato un messaggio di sfida. Attilio sostiene come le bastonate siano legittime per un cavaliere nei confronti di un "mascalzone", vocabolo che identifica con gli umili in genere; il podestà è invece del parere opposto, sostenendo l'illegittimità dell'accaduto. In questa controversia emerge come la dimensione sociale dei due dibattenti sia fonte delle due tesi, radicalmente opposte: il conte sostiene la forza, che contraddistingue il suo ruolo sociale, e lo stesso fa il podestà con la legittimità. È notevole anche l'atteggiamento del dottor Azzecca-Garbugli, al quale la professione dovrebbe consegnare la capacità di giudicare, lascia a padre Cristoforo, fino a quel punto limitatosi a non contraddire don Rodrigo che l'aveva celatamente provocato in più occasioni, la facoltà della sentenza.Lo screzio si risolve con la frase: "il mio debole parere sarebbe che non vi fossero né sfide, né portatori, né bastonate" che delude i contendenti ma che appunto pone fine al dibattito.Don Rodrigo introduce quindi un nuovo discorso a proposito della successione al ducato di Mantova, che pone ancora di fronte il conte Attilio e il podestà ma che si risolve con un brindisi e con il comune accordo dei tre commensali sul primato della violenza. In seguito lo stesso don Rodrigo, mantenutosi fino ad allora nel solo ruolo di aizzatore e provocatore, intendendo sbrigare al più presto la seccatura arrecatagli dall'arrivo di padre Cristoforo lo invita ad esporgli le sue questioni, scena con cui si conclude il capitolo. Continua »

vedi tutti gli appunti di letteratura »
Carica un appunto Home Appunti