Poesia Natale di Ungaretti: testo e commento

Appunto inviato da luca89 Voto 5

Testo e Commento ai versi della poesia Natale di Ungaretti (2 pagine formato doc)

POESIA NATALE DI UNGARETTI: TESTO

Natale (Napoli il 26 dicembre 1916)
Non ho voglia di tuffarmi in un gomitolo di strade
Ho tanta stanchezza sulle spalle
Lasciatemi così come una cosa posata in un angolo e dimenticata
Qui non si sente altro che il caldo buono
Sto con le quattro capriole di fumo del focolare. Giuseppe Ungaretti

Poetica di Giuseppe Ungaretti: riassunto


POESIA NATALE DI UNGARETTI: COMMENTO

Spiegazione in prosa della poesia. Nella prima strofa il poeta Giuseppe Ungaretti ci dice che non ha voglia di passeggiare nelle piccole strade affollate di gente, durante le feste natalizie. Nella seconda strofa, invece, il poeta ci descrive la sua stanchezza morale, nella terza ci dice che preferisce stare da solo in disparte come una cosa posata da qualche parte e poi dimenticata. Nella quarta e quinta strofa, il poeta ci narra che, nell'angolo accanto al camino, sente il tepore delle fiamme che dolcemente lo aiutano a contemplare in silenzio ed assorto nei suoi pensieri, i giochi fantasiosi degli anelli di fumo che si alzano dai ceppi ardenti. Il poeta abbandonandosi in un dolce riposo ritrova pace e la serenità dell'animo.