La vita quotidiana nei monasteri benedettini: Come si articola la vita nei monasteri benedettini (1 pagine formato doc)

VOTO: 5 Appunto inviato da 1r1d1um

I due livelli della vita monacale Il modello di vita del monastero di Montecassino e dei successivi che seguirono la sua Regola era basato più sulla vita di gruppo che sull’ascetismo, che veniva considerato un secondo livello, più difficile, da susseguirsi al cenobio. Il carattere moderato della Regola Il modello di vita della Regola non riguardava l’eremitaggio. Non era un percorso impegnativo, però era necessario seguire delle regole precise. Non erano necessari eccessive veglie o eroici digiuni ma ognuno poteva bere una dose moderata di vino e aveva la sua razione considerevole di cibo. L’unico divieto era la carne degli animali. L’umiltà e l’obbedienza L’ascetismo era considerato una via per l’orgoglio. I monaci che seguivano la Regola invece dovevano vivere una vita umile e seguire gli ordini dell’Abate, eletto dalla comunità, al quale si doveva un’obbedienza assoluta. Quando si trattava di persone ostinate, disobbedienti o superbe l’Abate ordinava loro di compiere cose impossibili, come punizione. Lo stesso san Benedetto le considerava un ottimo esercizio per l’autoumiliazione... Continua »

vedi tutti gli appunti di religione »
Carica un appunto Home Appunti