L'acciaio: Ricerca sull'acciaio, lega del ferro contenente carbonio fino a circa il 2%. (formato txt) ( formato txt)

VOTO: 0 Appunto inviato da polstrade

acciàio Lessico(reg. o poet. acciaro), sm. [sec. XIV; lat. tardo aciarium, ferro duro usato per fabbricare armi bianche, da acies, punta aguzza]. 1) Lega del ferro contenente carbonio fino a circa il 2%; possono essere presenti anche altri elementi quali silicio (Si), manganese (Mn), nichel (Ni), cromo (Cr), molibdeno (Mo), zolfo (S), fosforo (P) in quantità variabili. 2) Fig.: sguardo d'a., freddo e penetrante; volontà d'a., indomabile; uomo d'a., robustissimo o inflessibile. 3) Poet., armatura, spec. spada: "pugnan per altra terra itali acciari" (LeopardiStruttura e proprietàI notevoli progressi della fisica dei metalli hanno permesso di stabilire che in ogni metallo gli atomi tendono a porsi in modo ben ordinato secondo una disposizione cristallina e di conoscere l'effetto che può avere un trattamento termico o meccanico, oppure l'aggiunta di atomi di altri elementi, sulla struttura e sulla resistenza del materiale. Il ferro puro può esistere in varie forme allotropiche: come ferro a è stabile fino a 910 C, come ferro g da 910 C a 1390 C, come ferro d da 1390 C a 1540 C (temperatura di fusione). Dato che molti a. possono considerarsi leghe di solo ferro e carbonio riportiamo nella tavola il diagramma di stato metastabile ferro-carbonio (v. anche diagramma ferro-carbonio). Sul diagramma è possibile seguire lo spostamento dei punti critici, cioè delle temperature alle quali avvengono trasformazioni polimorfiche, in funzione del tenore di carbonio in lega; i punti vengono così definiti: A1, trasformazione austenite-perlite (orizzontale a 723 C); A3, trasformazione austenite-ferrite a (linea GS); A4, trasformazione austenite-ferrite d (linea NJ). I principali costituenti metallografici degli a. sono: la ferrite d, soluzione solida di carbonio nel ferro d; l'austenite, soluzione solida di carbonio nel ferro g; la ferrite a, soluzione solida di carbonio nel ferro a; la cementite, carburo di ferro; la perlite, eutettoide ferrite-cementite. Le proprietà degli a. dipendono strettamente dalla composizione chimica del materiale (tenore di carbonio e tenore e natura degli elementi aggiunti) e dalla loro struttura. L'aggiunta di elementi in lega provoca la modificazione più o meno notevole della posizione dei punti critici; a grandi linee, gli elementi si possono dividere a questo riguardo in due grandi categorie: elementi che abbassano A3 e innalzano A4, estendendo così il campo di esistenza dell'austenite, quali il Ni, il Mn, il cobalto (Co); elementi che invece innalzano A3 e abbassano A4, quali ilCr, il Si, l'alluminio (Al), restringendo il campo di esistenza dell'austenite. È noto inoltre che le caratteristiche meccaniche variano sensibilmente a seconda del trattamento termico che il materiale subisce, cioè della struttura che si riesce a ottenere a temperatura ambiente o di esercizio. La fabbricazione dell'a. comporta tecniche e procedimenti complessi e in costante evoluzione che hanno posto le basi per la creazione di uno dei settori più importanti Continua »

TAG: ferro
vedi tutti gli appunti di ricerche »
Carica un appunto Home Appunti