Isaac Asimov

Appunto inviato da devil82 Voto 8

Vita dello scrittore.Domande e risposte sulla sua famiglia,i suoi gusti,le sue convinzioni.Premi letterari vinti.Bibliografia dello scrittore e sullo scrittore.(formato word 9 pg) (0 pagine formato doc)

ASIMOV ASIMOV VITA Isaac Asimov nasce a Petrovich, nella provincia russa di Smolensk, nel 1920. Cresce negli U.S.A. a Brooklyn dove suo padre ha gestito per molti anni un candy store. E' del 1938 la pubblicazione del primo racconto, Marooned of Vesta, sulle pagine di una rivista specializzata in fantascienza.Negli anni della Guerra, Asimov presta servizio come scienziato in un laboratorio di ricerca della Marina statunitense. Nel 1942, "Astounding" pubblica la prima puntata della saga dedicata alla Fondazione. E' l'inizio di un'avventura letteraria che condurrà Asimov alla stesura di oltre cinquecento titoli, tra romanzi e saggi, destinati a creare un genere totalmente rinnovato nelle categorie stilistiche e tematiche.Laureato in chimica e biologia ha insegnato per qualche tempo alla "School of medicine" dell'università di Boston, ma dalla fine degli anni '50 si è dedicato a tempo pieno all'attività di scrittore. Asimov fa il suo esordio di autore con il primo libro, "Pebble in the Sky", a cui segue, nello stesso anno, il 1950, "I robot", il testo leggendario che enuncia le tre leggi della robotica, da quel momento seguite da ogni autore di fantascienza. Le tre leggi della robotica recitano:1. Un robot non può danneggiare un essere umano o, evitando di agire, permettere che l'integrità di un essere umano sia offesa 2. Un robot obbedisce agli ordini impartiti dagli esseri umani, fatto salvo che essi non violino la Prima Legge. 3. Un robot protegge la propria esistenza a ogni costo, se non nel momento in cui essa entra in conflitto con la Prima e la Seconda Legge. In realtà ci sarebbe anche una quarta legge della robotica chiamata "LEGGE ZERO", che viene enunciata per la prima volta nel romanzo "I robot e l'Impero" e che avrà una grande importanza nello sviluppo della trama soprattutto della Fondazione. Questa legge recita: 0. Un robot non può fare del male all'umanità o, tramite l'inazione, permettere che l'umanità ne tragga danno. L'anno successivo inizia la pubblicazione della trilogia dedicata alla Fondazione, che si concluderà con l'edizione di "Fondazione e Impero". La serie della Fondazione andrà col tempo ben oltre la trilogia, aggiungendo, al nucleo iniziale, altri undici titoli, e strutturando l'intera opera in sequenze di preludio ed epilogo della Fondazione stessa, fino all'ultima uscita,"Fondazione anno zero", pubblicata postuma nel 1993 . E' interessante sapere cosa ne pensava lo stesso Asimov, per questo riporterò qui di seguito la nota dell'autore che appare sul libro "Preludio alla fondazione", edito dalla Mondadori nel 1988.Ecco cosa ci dice lo stesso Asimov: " Quando scrissi "Foundation", che apparve nel 1942 nel numero di Maggio di Austoundind Science Fiction, non immaginavo di avere iniziato una serie di storie che alla fine si sarebbe estesa arrivando a comprendere sei volumi per un totale di tre milioni e trecento mila battute (finora). Nè immaginavo che sarebbe stata unificata con la serie di racconti e romanzi sui robot e