Controllo utente in corso...

Tema sull'amor cortese.: Dopo aver parlato dell’amor cortese in generale, soffermati in particolare sugli aspetti più significativi di quella “religione dell’amore” che emerge dai testi a te noti tratti dal Lancillotto di Chretien de Troyes e dal De Amore di Andrea Capellano. (2 ( formato doc)

VOTO: 5 Appunto inviato da nani

Dopo aver parlato dell'amor cortese in generale, soffermati in particolare sugli aspetti più significativi di quella “religion Dopo aver parlato dell'amor cortese in generale, soffermati in particolare sugli aspetti più significativi di quella “religione dell'amore” che emerge dai testi a te noti tratti dal Lancillotto di Chretien de Troyes e dal De Amore di Andrea Capellano SVOLGIMENTO La società cortese si sviluppò soprattutto nelle corti del Sud della Francia. La mentalità che si sviluppò in tali zone si diffuse in seguito anche nelle zone settentrionale del Paese, incontrandosi e fondendosi con la mentalità del luogo. In queste regioni era molto popolare il romanzo cavalleresco che, mescolandosi con l'ideale cortese, prese il nome di romanzo cortese-cavalleresco. Chretien de Troyes, un grande esponente di questa corrente letteraria, era un chierico, vissuto alla corte di Maria de Champagne. Si pensa che fosse proprio grazie a questa donna, originaria del Sud della Francia, che la mentalità della società cortese si diffuse nel Nord, luogo dove risiedeva. Questo autore scrisse molte opere, fra cui Lancillotto o Il cavalier della carretta, di cui abbiamo letto una parte in classe. In questo brano si possono notare molto bene i caratteri fondamentali dell'amor cortese. In breve, questo è quanto scrive de Troyes: Lancillotto era un cavaliere alla corte di re Artù. Era innamorato, e segretamente corrisposto, dalla moglie del suo re, Ginevra. Questa era stata rapita da Meleagant e in molti avevano cercato di salvarla. Anche Lancillotto era partito con questa intenzione e , per raggiungere la sua amata più velocemente, gli fu proposto da un uomo di salire sulla carretta. Questa carretta era il mezzo con il quale si coprivano di infamia gli assassini, i ladri, i perdenti a duello. Salire sulla carretta significava perdere ogni onore. Lancillotto, dopo aver esitato un poco, salì e raggiunse rapidamente Ginevra. Ma, prima di poterla liberare, dovette combattere contro Meleagant; la regina era nella torre e guardava il duello. Il cavaliere vinse e stava per uccidere l'avversario; ma Ginevra non volle e, dato che l'amante è sempre molto ubbidiente verso l'amata, lo risparmiò. In questo tratto viene alla luce una prima caratteristica dell'amor cortese: l'ubbidienza dell'amante. Egli fa alla sua amata un vero e proprio “servizio d'amore”. Lancillotto salì così da Ginevra, ma questa non lo volle neppure vedere. Questo perché egli aveva esitato prima di salire sulla carretta. Qui la regina esercitò fortemente il suo potere e si mostrò fredda e crudele nei confronti di Lancillotto, che si era coperto di infamia e aveva affrontato molti pericoli per salvarla. Alla fine però accettò di vederlo e di due amanti decisero di incontrarsi la notte seguente. Da questo punto in poi l'autore descrive la rappacificazione e l'amore tra i due. L'amor cortese è quindi un amore adultero, che avviene al di fuori del matrimonio. A quel tempo, infa Continua »

vedi tutti gli appunti di ricerche »
Carica un appunto Home Appunti
Pagina eseguita in 0.169061183929 secondi