Mare Nostrum: Ricerca Sul Mediterraneo - Appunti di Scienze Della Terre gratis Studenti.it

Mare Nostrum: ricerca sul Mediterraneo: Il Mediterraneo è il mare compreso tra Europa, Asia e Africa: è collegato all’Oceano Atlantico attraverso lo Stretto di Gibilterra, lo Stretto dei Dardanelli, il Mar di Marmara e il Bosforo lo collegano al Mar Nero, altro mare interno compreso tra Europa (4 pagine formato doc)

VOTO: 3 Appunto inviato da silfido

MARE NOSTRUM MARE NOSTRUM Il Mediterraneo è il mare compreso tra Europa, Asia e Africa: è collegato all'Oceano Atlantico attraverso lo Stretto di Gibilterra, lo Stretto dei Dardanelli, il Mar di Marmara e il Bosforo lo collegano al Mar Nero, altro mare interno compreso tra Europa e Asia. Infine, attraverso il canale di Suez, aperto nel corso del XIX secolo, è collegato al Mar Rosso e all'Oceano Indiano. Il nome Mediterraneo deriva dalla parola latina mediterraneu(m), parola composta da medius, il cui significato è “che sta al centro”, e terra. Già in greco esisteva un termine simile, mesogeis, che significava “in mezzo alle terre”. Usato come aggettivo mediterraneus si riferiva a luoghi che erano interamente circondati da terre, lontani quindi dal mare. Soltanto in epoca più tarda l'aggettivo fu accostato al mare per antonomasia: il Mar Mediterraneo vide fiorire sulle proprie sponde le civiltà che stanno alla base della cultura occidentale e proprio per questa sua particolare configurazione di “mare fra le terre”, il Mediterraneo, al contrario d'altre distese acquatiche del globo, ha sempre rappresentato un elemento geografico di contatto tra le nature e i popoli che vi si affacciano. Il Mediterraneo è un residuo dell'antico mare chiamato Tetide, il cui fondo, stipato di sedimenti, fu compresso da un movimento tettonico durante l'Oligocene, circa trenta milioni d'anni fa, quando le placche crostali africana ed euroasiatica entrarono in collisione; l'urto di tali placche, ancora in movimento, ha dato origine ad imponenti formazioni orogenetiche, cioè a quei rilievi montuosi che si sviluppano tutt'intorno al Mediterraneo, accompagnandosi a manifestazioni d'instabilità. Tra queste si ricordano le attività vulcaniche, come quelle che hanno causato le eruzioni dei vulcani Etna, Vesuvio e Stromboli, nonché i frequenti terremoti che hanno devastato le regioni dell'Italia, della Grecia e della Turchia. Il Mediterraneo ha un clima caratterizzato da inverni miti ed umidi e da estati calde e secche: esso è la premessa indispensabile allo sviluppo della macchia mediterranea, un tipico bosco composto da arbusti sempreverdi e alberi dal basso fusto, molti dei quali con foglie piccole e forti, sclerofille, che resistono negli ambienti aridi chiudendo i pori per evitare la traspirazione e riprendendo appunto l'attività di fotosintesi dopo i periodi di siccità.Le sue acque sono in genere molto limpide, tendenti all'azzurro per la scarsezza di plancton. La temperatura media oscilla tra i 5-7° dell'Adriatico settentrionale ed il 27° del mar di Levante. A causa dell'intensa evaporazione il grado di salsedine raggiunge valori molto alti rispetto all'Atlantico. L'assolato Mediterraneo è sostanzialmente un mare in evaporazione, cioè evapora più acqua di quanta ne ritorni mediante i fiumi locali e le piogge.Man mano che l'acqua evapora, nel mare rimane un'eccedenza di sale. Questo sale si aggiunge al peso di ogni metro cubo di acqua Continua »

vedi tutti gli appunti di scienze-della-terre »
Carica un appunto Home Appunti