Controllo utente in corso...

Jean Dubuffet: vita di jean dubuffet. Descrizioni delle opere e ideologia dell'autore (3 pagine formato doc)

VOTO: 5 Appunto inviato da draconero

Jean Dubuffet nasce a Le Havre nel 1901 Jean Dubuffet nasce a Le Havre nel 1901. Dopo aver frequentato per due anni l'Accademia locale, nel 1918 si trasferisce a Parigi per studiare all'Académie Julian e diventare pittore. È una decisione sofferta e più volte ritrattata. Ma diventa definitiva a partire dal 1942, dopo un periodo trascorso a Buenos Aires e alcuni anni di lavoro nell'azienda di famiglia.Dubuffet è attratto dalla produzione dei popoli primitivi, dai graffiti tracciati sui muri, dalle immagini spontanee e naturali dei bambini e dei malati di mente. Si tratta di un vasto repertorio, per il quale, a partire dal 1945, conia l'espressione "Art Brut" e che in seguito analizzerà meglio nei suoi scritti e nei "Cahiers de l'Art Brut".Nel 1944 tiene la prima personale alla galleria René Drouin di Parigi. Nello stesso periodo compie un viaggio in Algeria, da cui ricava numerose idee e spunti pittorici.Nel periodo bellico Dubuffet si interessa a quella che chiama "peinture de la vie moderne".Si dedica, quindi, alle Hautes Pâtes (1945-1946) e ai Portraits (1946-1949), che, per la pregnanza materica, possono ben rientrare in ambito informale. Nel 1946 Jean Dubuffet pubblica il Prospectus aux amateurs de tout genre, dove chiarisce il suo pensiero.Nel 1947 fonda la Compagnie de l'Art Brut con Paulhan, Drouin e Breton. Contemporaneamente organizza una mostra con opere di bambini e alienati mentali. Espone per la prima volta in America, nella galleria newyorchese di Pierre Matisse.Tra il 1949 e il 1960 si dedica a vari cicli di opere: Paysages Grotesque (1949-50), Corps de Dames e Sols et Terrains (1950-52), Assemblages e Texturologies (1953-1959). I Phenomènes (1958-1962) e le Matériologies (1959-1960) si aprono all'impiego di materiali diversissimi: collage di opere precedenti, giornali, elementi vegetali e animali, tra cui persino ali di farfalla. Nel 1960 si dedica anche a un lavoro musicale sperimentale insieme a Asger Jorn.Negli stessi anni tiene numerose retrospettive in Europa e in America: Städtisches Museum di Leverkusen nel 1957, Kunsthaus di Zurigo, Stedelijk van Abbemuseum di Eindhoven e Stedelijk Museum di Amsterdam nel 1960, Musée des Arts Décoratifs di Parigi nel 1961, Museum of Modern Art di New York nel 1962. Nel 1966 è la volta della Tate Gallery di Londra e del Guggenheim di New York. Tra il 1962 e il 1974 Jean Dubuffet realizza il ciclo Hourloupe. Nel 1967 pone mano al primo "environment" architettonico e realizza il Cabinet Logo-Logique.Al 1968 risale un altro testo basilare per la comprensione della sua opera: Asphyxiante culture. L'anno successivo espone al Musée des Beaux-Arts de Montreal.Tra il 1971 e il 1972 viene realizzato Groupe de quatre arbres, gigantesca scultura ai piedi della Chase Manhattan Bank, proprio nel cuore di Manhattan.Nel 1973 il Guggenheim Museum di New York gli dedica una retrospettiva. In quest'occasione realizza Coucou Bazar, un lavoro di impronta surrealista.Nel 1976 a Losanna espone la sua collezione Continua »

vedi tutti gli appunti di storia-del-arte »
Carica un appunto Home Appunti
Pagina eseguita in 0.177515983582 secondi