Il '700. Rococò E Neoclassicismo - Appunti di Storia Dell'arte gratis Studenti.it
Controllo utente in corso...

Il '700. Rococò e Neoclassicismo: Il ‘700 si divide in due periodi: Il rococò e il neoclassicismo. Appunto essenziale su entrambi (file.doc, 2 pag) ( formato doc)

VOTO: 5 Appunto inviato da berida

Il `700 si divide in due periodi: Il rococò e il neoclassicismo Il `700 si divide in due periodi: Il rococò e il neoclassicismo. Il Rococò Il XVIII secolo appare come il secolo della svolta a causa di cambiamenti radicali avvenuti nella società; è il secolo delle espansioni e dei commerci, del declino di alcuni Stati e del rafforzarsi di altri, come la Francia, l'Inghilterra e l'Olanda. È un secolo di fervore culturale, con molti stili in continua variazione. All'inizio del secolo si ha il rococò, uno stile molto sfarzoso, uno stile architettonico ornamentale. Nasce come una reazione al barocco, ritenuto troppo solenne. Nasce in Francia, impostosi per volontà di Luigi XIV, e da lì si diffonde. Deriva etimologicamente da “rocailles”, = rocce artificiali a forma di conchiglia poste sul fondo di laghetti, che creavano degli effetti luminosi nell'acqua. ? per estensione indica i motivi ornamentali tratti dalla natura. Tra il 1730 ed il 1740, questi motivi iniziano ad apparire negli arredi dei palazzi. Vi è un gusto particolare per l'eccesso di naturalistico e per l'imitazione della natura spinta all'estremo e svelata come un capriccio. In pittura: orientamento tra il sensuale ed il malizioso ricerca di raffinati effetti atmosferici gusto per colori morbidi e accesi In scultura: intento di creare un'illusione a discapito del realismo statue molto tortuose soffitti abbondanti In Italia… Sotto il profilo storico, l'Italia gioca un ruolo marginale, ma in campo artistico è ancora importante (Roma, Bologna, Napoli e, soprattutto, Venezia). Gli artisti italiani lavorano e sono molto richiesti all'estero. Si effettuano i “grand tours” = viaggi fatti in Italia dai rampolli delle famiglie ricche per formarsi culturalmente. I loro souvenirs erano le “vedute” (= piccoli quadri con paesaggi) I giardini: l'arte dei giardini si trasforma durante questo periodo. Si passa dal giardino rinascimentale (detto anche “all'italiana”) a quello rococò. I giardini: ALL'ITALIANA ROCOCÒ Pochi tipi di piante, rigorosamente geometriche Grandissima varietà di piante. Irregolare, esotico, selvaggio. Non c'è distinzione tra giardino (coltivato dall'uomo) ed il parco Stabilisce percorsi rettilinei o ben tracciati Casualità dei percorsi Statue classiche tra la vegetazione Spesso ci sono delle rovine (preesistenti o costruite ex novo) o delle pagode cinesi. Spesso, si trova vicino al palazzo il giardino all'italiana, e più distante, il giardino rococò. È un movimento europeo che coincide con l'Illuminismo, nato in un'epoca di fermenti culturali, dove vi è molta fiducia nelle capacità dell'uomo. Nell'arte, vi è un ritorno alla classicità. Vi sono molti scavi archeologici. Roma è il centro culturale di tutto. Il neoclassicismo è una reazione al barocco ed al rococò. L'arte educava al bello ed alla virtù grazie alle immagini di azioni eroiche e di sentimenti nobili. Il neoclassicismo Lo stile: rappresentazioni chiare, semplici ed ess Continua »

TAG: neoclassicismo PERSONE: luigi xiv
vedi tutti gli appunti di storia-dell-arte »
Carica un appunto Home Appunti
Pagina eseguita in 0.0214288234711 secondi