Controllo utente in corso...

Bal au moulin de la galette, Renoir: Appunto di descrizione dell'opera di Renoir "Bal au moulin de la galette" (file.doc, 1 pag) ( formato doc)

VOTO: 5 Appunto inviato da starshadow

AUGUSTE RENOIR “BAL AU MOULIIN DE LA GALETTE” - 1876 - olio su tela, 131 x 175 cm - Parigi, Musée d'Orsay AUGUSTE RENOIR “BAL AU MOULIN DE LA GALETTE” 1876 - olio su tela, 131 x 175 cm - Parigi, Musée d'Orsay   Nel “Moulin de la Galette” Renoir realizza una delle più importanti invenzioni atmosferiche dell'intera storia del movimento. L'atmosfera è quella del “plen air” ma la luce del sole giunge ad illuminare le persone e le cose filtrate attraverso le fronde degli alberi, determinando così una vibrazione cromatica talmente accentuata da disintegrare la materialità dei corpi; è la luce che conta, più che ciò che essa rende evidente. Il “Moulin de la Galette” era un locale da ballo all'aperto sulla collina di Montmartre, a Parigi, frequentato da artisti, studenti e ragazze disposte a posare per i pittori. In questa tela, tra le più ambiziose e famose del periodo impressionista, Renoir ritrae con immediatezza figure e gruppi di persone animando i loro atteggiamenti attraverso lo scintillio intermittente della luce. Il pittore ogni giorno spostava dal suo studio il quadro per poterlo dipingere interamente sul posto. La verità della rappresentazione è avvalorata dalla presenza.di alcuni amici di Renoir, come il giornalista Lhote, il gruppo di pittori seduti al tavolo in primo piano in compagnia del critico Georges Rivière e il pittore spagnolo Don Pedro Vidal de Solares y Cardenas che danza allacciato alla giovane Margot. La composizione si svolge con andamento curvilineo, dal primo piano verso lo sfondo, lungo la diagonale del quadro. L'interesse di Renoir si appunta sulla folla in movimento e sugli effetti di luce che, per la prima volta, egli studia in un dipinto di grande formato. L'impressione della folla che si accalca nella piazzetta è ottenuta attraverso la sovrapposizione delle figure, tagliate ai bordi del dipinto in modo da suggerire la continuità dell'azione oltre i limiti della cornice. La percezione dello spazio è accentuata anche dall'esperto uso del colore e, in particolar modo, dalla disposizione di tocchi di giallo sul vestito della danzatrice, nelle magiostrine a destra e tra il verde delle foglie nella parte superiore della tela. Renoir traduce gli effetti di luce per mezzo del colore, senza ricorrere ai toni scuri e alle ombre. La luce solare filtra attraverso la cortina vegetale delle acacie e si riverbera sui volti e sugli abiti degli astanti in macchie colorate: sul vestito a righe della donna al tavolo e su quello scuro del personaggio ritratto di schiena, per riflettersi nei toni gialli della spalliera della sedia. Infine lo studio della luce naturale è risolto magistralmente nel terreno, su cui si svolgono le danze, screziato di rosa e azzurro. La dissoluzione della forma che consegue da tale insolita stesura del colore è tuttavia fraintesa da un critico del giornale “Le Moniteur Universel”, che trova ridicole le figure danzanti su un piano inconsiste Continua »

vedi tutti gli appunti di storia-dell-arte »
Carica un appunto Home Appunti
Pagina eseguita in 0.220770120621 secondi