Controllo utente in corso...

Il gioco del toro - Micene: L'appunto è la descrizione di un frammento dell'affresco del palazzo di Micene. ( 3pg. file.doc) ( formato doc)

VOTO: 0 Appunto inviato da abbiokko

Castellani Matteo Il Gioco del toro - Palazzo di Micene Il gioco del toro è un frammento di un affresco che è stato rinvenuto nel palazzo di Cnosso, nell'isola di Creta. L'isola si trova al centro del Mediterraneo e a partire dal 2300 a.C. si popolò di città e di palazzi, che testimoniano un elevato livello di benessere, mentre le navi cretesi commerciavano in tutto il Mediterraneo. Erano un popolo pacifico; questo è evidente dall'assenza di mura e di armi, poiché la loro vera difesa era il mare, che veniva anche sfruttato per il commercio navale. I cretesi erano abili navigatori e commerciavano beni alimentari in cambio di pietre preziose e materie prime. Commerciavano inoltre molti vasi spesso decorati con ambienti marini. Intorno a questa popolazione vi sono molti miti. Tra questi il più famoso è quello del Minotauro, il figlio mostruoso di Minosse, che venne rinchiuso in un labirinto. Ogni anno gli ateniesi dovevano mandare a Creta sette ragazzi e sette ragazze, ma un anno, stanchi di quest'ingiustizia, si ribellano e mandarono invece Teseo. A Creta costui conosce Arianna e grazie al suo aiuto riesce a sconfiggere il Minotauro e a uscire dal labirinto. Il labirinto probabilmente era il palazzo di Minosse, che aveva una pianta davvero molto complessa. Come quelli di Mallia e Festo, le città più sviluppate, era un palazzo maestoso, con ampie scale di marmo, saloni enormi a terrazzi, per seguire la struttura collinare del terreno, i muri erano ornati oltre che con affreschi, con pietre dure, con metalli e con smalti multicolore. Gli affreschi rappresentavano la vita della civiltà cretese: scene di danza, musica, esercizi ginnici, la corsa, il pugilato e una specie di corrida, dove si doveva saltare e volteggiare sul dorso del toro, che alla fine veniva però risparmiato. Nel palazzo non viveva solo la famiglia reale, ma era anche sede degli uffici, aveva sale per i giochi, magazzini, depositi e locali da bagno. A palazzo gravitava dunque tutta la vita della città. Questa civiltà sparì improvvisamente verso il 1700 a.C. Un terribile terremoto distrusse i palazzi di Cnosso e Festo, mettendo fine alla vita su quest'isola. L' affresco che dobbiamo analizzare in origine adornava qualche stanza del Palazzo. La tecnica della tauromarchia è chiaramente illustrata in questo dipinto, che mostra una ragazza in abiti maschili in piedi davanti al toro che sta caricando: essa lo afferra saldamente per le corna preparandosi a saltargli sopra. Un giovane ha appena finito il volteggio, mentre un`altra ragazza sta in piedi pronta ad afferrarlo quando salterà giù. La figura umana, per lo più presente soltanto negli affreschi in miniatura, assume qui maggiore importanza. Un'altra caratteristica di questo nuovo tipo di affresco è il moltiplicarsi dei fregi accessori (talvolta per imitare le pietre preziose) di tipo quasi architettonico. Nell'opera sono presenti quattro soggetti di cui un toro, due donne davanti e dietro ad essi, ornate di bracciali e di stivali per Continua »

vedi tutti gli appunti di storia-dell-arte »
Carica un appunto Home Appunti
Pagina eseguita in 0.21187210083 secondi