Giustiniano I: Vita, opere e imprese dell'imperatore d'Oriente Giustiniano I(formato word pg 2) ( formato doc)

VOTO: 0 Appunto inviato da alicia79

(Tauresium, Illiria 483 - Costantinopoli 565), imperatore romano d'Oriente (527-565), detto il Grande GIUSTINIANO I (Tauresium, Illiria 483 - Costantinopoli 565), imperatore romano d'Oriente (527-565), detto il Grande. Nipote dell'imperatore Giustino I, Flavius Petrus Sabbatius Iustinianus crebbe alla corte di Costantinopoli; nel 518 fu incaricato della cura dell'amministrazione dallo zio, il quale lo nominò suo successore. Nel 523 sposò Teodora, di umili origini, dotata di grande intuito politico, e alla morte dello zio, nel 527, venne eletto imperatore. Immediatamente dopo l'ascesa al trono, inaugurò una politica volta al consolidamento dei territori imperiali, fuori e dentro i confini. Nel 532 siglò un accordo di pace con la Persia, mentre contemporaneamente incaricò il generale Belisario di sedare un'insurrezione interna (la rivolta di Nika), scoppiata per cause politiche e religiose, durante la quale lo stesso trono di Giustiniano vacillò e fu salvato grazie anche all'intervento di Teodora. Nel 533 un esercito imperiale mosse contro il regno dei vandali nell'Africa del Nord, che venne annesso all'impero nel 534. L'anno seguente un'altra armata imperiale attaccò gli ostrogoti in Italia, ma incontrò una ferrea resistenza e la guerra si protrasse per quasi vent'anni. Una terza campagna, intrapresa questa volta contro i visigoti, assicurò la riconquista della Spagna sudorientale. Così, alla morte di Giustiniano, quasi tutti i territori intorno al bacino del Mediterraneo, che avevano fatto parte dell'originario impero romano, erano stati riuniti sotto la corona bizantina, a eccezione della Gallia e della Spagna settentrionale. Sul fronte orientale, però, le ostilità con la Persia erano riprese (540-545) e nei Balcani la minaccia di slavi, unni e bulgari si faceva sempre più pressante. La volontà espansionistica del re persiano Cosroe era evidente: nel suo splendido palazzo aveva fatto disporre tre troni vuoti: essi erano destinati all'imperatore cinese, al grande Khagan e all'imperatore romano, quando sarebbero venuti a recargli omaggio in qualità di sudditi. Nel 533 Giustiniano aveva concluso un accordo di “pace eterna” con Cosroe, in cambio del versamento di un ingente tributo all'impero persiano. Per avere via libera in occidente e concentrare al massimo l'impegno militare nella guerra contro i Goti, egli non aveva dunque esitato a stipulare un accordo che non solo ledeva il prestigio dell'impero Bizantino e ne indeboliva le risorse finanziarie, ma finiva per incoraggiare le stesse mire dei Persiani. E infatti nel540 Cosroe approfittò dell'impegno bizantino in Italia, penetrò in Siria, distrusse Antiochia e saccheggiò l'Armenia. Ma i problemi militari per Bisanzio non finivano qua! Contemporaneamente alla minaccia persiana, l'impero dovette difendersi da nuove incursioni barbariche nella penisola balcanica: i Bulgari e gli Slavi devastarono l'illirico e la Tracia;nel536 i Gepidi occuparono l'importantissima città di Sirmio; nel 54 Continua »

vedi tutti gli appunti di storia »
Carica un appunto Home Appunti