Impero ottomano: riassunto

Appunto inviato da dukessina Voto 6

Impero ottomano: riassunto e significato dell'Impero costituito originariamente dai successori di Osman Gazi, guerriero turco della dinastia ottomana (0 pagine formato doc)

IMPERO OTTOMANO: RIASSUNTO

Impero ottomano. Organismo statale governato dalla dinastia turca ottomana a partire dall'inizio del XIV secolo fino al 1922. Il centro dell'impero, che nel periodo di massimo splendore abbracciava tre continenti, era la Turchia, il suo limite settentrionale l'Ungheria, il limite meridionale Aden, quello occidentale l'Algeria e quello orientale il confine con l'Iran. Attraverso il vassallo regno di Crimea, il potere ottomano si estendeva anche all'Ucraina e alla Russia meridionale. Eponimo della dinastia ottomana è Osman Gazi, un guerriero turco musulmano.

Gengis Khan e l'impero dei mongoli

PERCHE' SI CHIAMA IMPERO OTTOMANO

La formazione dell'impero Nucleo del futuro impero fu un piccolo regno dell'Anatolia nordoccidentale, sorto come tanti altri dalle rovine del regno selgiuchide di Rum. Gli storici hanno opinioni differenti riguardo all'importanza delle due caratteristiche principali dell'impero ottomano, ovvero la tradizione tribale dei guerrieri turco-mongoli e l'influenza dell'Islam: in quest'ultimo caso in merito al processo di espansione dell'impero ottomano si è sottolineato il richiamo esercitato sui ghazi (coloro che combattono la guerra santa, o jihad), che si unirono agli ottomani impegnati nella lotta contro l'impero bizantino. Combattimenti continui e proficue alleanze contribuirono al successo degli ottomani. Attorno al 1325 presero Bursa e ne fecero la capitale del regno; nel 1338 cacciarono i bizantini dall'Anatolia ed estesero il proprio dominio a sud e a oriente a spese di altri principati turchi. Nel 1354 conquistarono Ankara (Anatolia centrale) e invasero Gallipoli (Gelibolu, sulla costa europea dello stretto dei Dardanelli), da cui procedettero all'occupazione dell'Europa sudorientale. Nel 1361 presero Adrianópolis (l'attuale Edirne) che elessero a nuova capitale. Nel 1389, sconfitti i serbi nella battaglia del Kosovo, gli ottomani di Murad I invasero la Tracia, la Macedonia e gran parte della Bulgaria e della Serbia. 

Crisi dell'Impero ottomano: riassunto

OTTOMANO SIGNIFICATO

Nel 1402 subirono l'invasione del mongolo Tamerlano, che sconfisse il sultano Bayazid I vicino ad Ankara, ma in seguito riuscirono a riacquistare il controllo dell'impero e ad estenderne ulteriormente i domini sotto Maometto I e Murad II. Nel 1453 il sultano Maometto II conquistò Costantinopoli (l'odierna Istanbul) e ne fece la capitale definitiva dell'impero. Il XVI secolo fu un periodo di ulteriori conquiste: il sultano ottomano Selim I sconfisse i Safavidi della Persia a Chardiran nel 1514, occupò l'Anatolia orientale e annetté l'Egitto e la Siria, sottraendoli ai Mamelucchi (1516-17) e conquistando anche località arabe sacre ai musulmani e porti commerciali sul Mar Rosso e sull'oceano Indiano. Solimano il Magnifico, figlio e successore di Selim I, è considerato il più grande dei sovrani ottomani. Durante il suo regno l'Iraq entrò a far parte dell'impero (1534) e il dominio ottomano si estese al Mediterraneo orientale e, attraverso l'annessione di Algeri e le incursioni dei corsari, al Mediterraneo occidentale.