Controllo utente in corso...

Storia della Russia: Crisi dello Zarismo, Rivoluzione e Stalinismo: Lenin e il bolscevismo, le rivoluzioni del 1917, la nascita dell'Urss, il comunismo di guerra e l'ascesa di Stalin, ripresa economica dell'Urss (7 pagine formato doc)

VOTO: 3 Appunto inviato da livornese

Caratteri generali: La rigida autodifesa dell'assolutismo e la repressione di qualsiasi forma di dissenso o di opposizione (conservatorismo politico e sociale), basato sul sostegno dell'aristocrazia, dell'esercito, della chiesa ortodossa e della burocrazia imperiale. Il problema agrario e il superamento del feudalesimo nelle campagne, dove era ancora vitale il mir, il villaggio dell'organizzazione agricola medioevale, che assolveva a tutte le funzioni più importanti della comunità. Questo sistema comunistico manteneva però statiche le condizioni dell'agricoltura e impediva la creazione di differenziazioni sociali fra i contadini, dato che producevano solo per la sussistenza. L'espansionismo militare e la politica imperialistica dello zarismo in Asia: l'impero continuo a espandersi per tutto l'Ottocento. La riforma del 1861: Fu Alessandro II a fare delle riforme per prevenire ben più pericolose spinte dal basso. Culmine di queste riforme fu, nel febbraio 1861, la legge che aboliva il servaggio in Russia. Ma questa riforma non fece altro, attraverso un meccanismo diabolico, che favorire i grandi proprietari... Continua »

LUOGHI: russia PERSONE: alessandro ii
vedi tutti gli appunti di storia »
Carica un appunto Home Appunti
Pagina eseguita in 0.077535867691 secondi