Home page Podcast gratis Studenti.it

Podcast disponibili

  1. Documento: Impero romano: ordine equestre Abstract:

    L’ordo equester contava un numero di membri molto maggiore dell’ordine senatorio. Il numero totale dei cavalieri sotto Augusto è da valutarsi sulle 20.000 unità; nei primi due secoli dell’Impero, questo numero aumentò grazie all’immissione di provinciali nell’ordine equestre. I cavalieri avevano una precisa coscienza della loro identità, che si manifestava nell’indicazione della propria titolatura nelle iscrizioni onorifiche e sepolcrali, o nella loro unione all’interno della società di singole città.

    Tipologia: Università Durata: 6 min 37 sec
  2. Documento: Impero romano ed ordine senatorio Abstract:

    L’ordo senatorius, dall’inizio dell’età imperiale, chiuse i propri ranghi. Augusto stabilì a 600 il numero del membri del senato. Ogni anno, soltanto 20 senatori potevano iniziare una carriera senatoria come vigintiviri o entrare nel senato come quaestores(=questores). A queste persone si aggiunsero anche ex cavalieri, ammessi nell’ordine senatorio come ex questori o con un rango più elevato.

    Tipologia: Università Durata: 10 min 2 sec
  3. Documento: Impero romano e stratificazione sociale Abstract:

    La società romana della prima età imperiale non era strutturata in maniera differente da quella della tarda repubblica. Questa società si componeva di due grandi parti: le fonti giuridiche romane parlano di honestiores, detentori di una posizione sociale ed economica elevata e del prestigio corrispondente (condicio, qualitas, facultas, gravitas, auctoritas, dignitas), da una parte, e di humiliores e tenuiores, dall’altra.

    Tipologia: Università Durata: 6 min 42 sec
  4. Documento: Sistema sociale con la monarchia imperiale Abstract:

    La definizione del sistema sociale si realizzò con il consolidamento della monarchia imperiale. La gerarchia sociale fu ristrutturata attorno ad una nuova posizione di vertice, che si sovrappose alla ristretta cerchia delle famiglie dell’oligarchia: a partire da Augusto, non ci furono diversi principes civitates con le loro factiones, ma soltanto un solo princeps del senato, del popolo e di tutto il genus humanum.

    Tipologia: Università Durata: 8 min 19 sec
  5. Documento: Ordinamento sociale al tempo del principato romano Abstract:

    I primi due secoli dell’età imperiale non furono soltanto il periodo aureo, in cui l’imperium Romanum raggiunse la sua massima espansione ed in cui regnò la pace: quest’epoca rappresenta il momento culminante nella storia della società romana.

    Tipologia: Università Durata: 6 min 21 sec
  6. Documento: Roma arcaica: i successi dei plebei Abstract:

    Il primo grande successo dei plebei fu la creazione di istituzioni proprie: ciò significò la nascita di un’organizzazione per l’autodifesa, per la lotta politica e per l’unione in quanto ordine specifico contro l’aristocrazia. Questo evento si ebbe nel 494 a.C., quando la prima secessione del popolo fu coronata da successo e fu introdotta l’istituzione del tribunato della plebe.

    Tipologia: Università Durata: 8 min 19 sec
  7. Documento: Societa tardo-romana e caduta dell'imperium romanum Abstract:

    Nell’Impero tardo-romano, le sofferenze della popolazione furono peggiori di prima e bisogno e miseria colpirono vasti settori. Rimase un solo strato della popolazione, poco numeroso, a vivere in prosperità. Le tensioni sociali, dunque, furono molto acute. I continui disordini sociali indicano le gravi tensioni esistenti all’interno della società tardo-romana; le ragioni sono molte e di varia natura.

    Tipologia: Università Durata: 9 min 56 sec
  8. Documento: Strati sociali inferiori dell'impero romano Abstract:

    Mentre, nel tardo Impero, gli honestiores si frantumarono in numerosi strati con posizione sociale differente, i vari strati degli humiliores assunsero una forma omogenea. Il loro livellamento si manifestò tanto nella povertà, in città e in campagna, quanto nella non libertà della masse urbane e rurali, che si basava su vincoli economici, sociali e politici omogenei. La nuova situazione contemplava soltanto lavoro forzato all’interno degli ordini ereditari, tra la popolazione rurale, tra i coloni, tra gli artigiani, tra le corporazioni e tra i componenti dei consigli cittadini.

    Tipologia: Università Durata: 7 min 58 sec
  9. Documento: Strati sociali superiori dell'impero romano Abstract:

    La storia dell’élite dirigente romana, durante la crisi del III secolo, sembrò concludersi con la perdita, da parte dell’ordine senatorio, della sua posizione di punta, che passò all’ordine equestre. I gruppi dirigenti dell’ordine equestre confluirono in quello senatorio e l’ordo equester cessò di esistere come ordine. L’ordo senatorius occupava ancora il rango sociale più alto dopo il sovrano.

    Tipologia: Università Durata: 9 min 18 sec
  10. Documento: Epoca tardo-romana: condizioni e caratteristiche generali Abstract:

    Le condizioni sociali del tardo Impero si fondavano sulle strutture che erano venute costituendosi nell’epoca della crisi del tardo periodo antonino fino a Diocleziano. L’ulteriore cambiamento della società romana fu una continuazione del processo di trasformazione cominciato con la crisi del III secolo. Le condizioni economiche costituitesi durante la crisi del III secolo rimasero operanti anche in seguito e non subirono alcun cambiamento fondamentale.

    Tipologia: Università Durata: 11 min 1 sec