Scheda Appunto MP3

Il grande Gatsby – Francis Scott Fitzgerald

Appunto Audio

Share 7 min 22 sec
  • Descrizione: “Il grande Gatsby” è considerato il capolavoro di Fitzgerald. Il romanzo è ambientato negli Stati Uniti durante il primo dopoguerra. Nick Carraway, nato in una famiglia agiata del Middle West, laureatosi ormai da qualche anno, si trasferisce all’inizio dell’estate del 1922 sulla costa orientale, e, più precisamente, nel villaggio di West Egg, nei pressi di New York.
  • Tipologia: Superiori
  • Testo completo: “Il grande Gatsby” è considerato il capolavoro di Fitzgerald. Il romanzo è ambientato negli Stati Uniti durante il primo dopoguerra. Nick Carraway, nato in una famiglia agiata del Middle West, laureatosi ormai da qualche anno, si trasferisce all’inizio dell’estate del 1922 sulla costa orientale, e, più precisamente, nel villaggio di West Egg, nei pressi di New York. Non conoscendo nessuno in questa zona, Nick accetta volentieri l’invito a pranzo di una sua lontana cugina, Daisy, che abita con il marito Tom Buchanan al di là della baia; al pranzo è presente anche un’altra ospite, la giovane golfista Jordan Baker, la quale rivela piuttosto indiscretamente a Nick che Tom ha una relazione con un’altra donna, cosa risaputa da tutti in paese. Qualche giorno dopo, durante una gita con Tom, Nick conosce anche l’amante di questi: si tratta di Myrtle Wilson, una giovane donna sposata con il proprietario di un’officina meccanica. Il vicino di casa di Nick, conosciuto da tutti come il signor Gatsby, è celebre per la sua lussuosissima casa, per il suo misterioso passato e per le sue grandi e sfarzose feste, a cui un sabato sera viene invitato anche Nick. Alla festa Nick incontra di nuovo Jordan, con la quale inizia ad uscire, e conosce di persona il signor Gatsby, diventandone rapidamente amico. Gatsby racconta all’ospite del suo povero passato, di come si sia arricchito e del suo amore giovanile nei confronti di Daisy e gli domanda di organizzare un appuntamento tra lui e sua cugina. L’incontro è molto imbarazzante per tutti, ma permette a Gatsby di mostrare alla donna amata tutte le sue ricchezze, per mancanza delle quali anni prima il loro rapporto era giunto al termine. Alla festa successiva sono presenti anche i coniugi Buchanan ed è in questa occasione che sboccia nuovamente l’amore tra il padrone di casa e la donna. Verso la fine dell’estate, durante un pomeriggio passato a New York, Daisy ammette davanti a tutti i presenti il suo amore per il compagno di gioventù e si allontana con lui. Durante il ritorno verso casa, la donna, che in compagnia dell’amante è alla guida della sua macchina, investe ed uccide Myrtle Wilson. Il signor Wilson, che aveva scoperto la relazione della moglie con Tom, si scaglia inizialmente su di lui, che però gli dice che era Gatsby a guidare la macchina; Wilson allora, prima di suicidarsi, uccide il presunto assassino di sua moglie. La vita di Gatsby termina in solitudine: al funerale ci sono solo il padre, che ha avuto la notizia tramite il giornale, e Nick, che decide di tornare nell’ovest rompendo definitivamente con Jordan.
    La domanda ricorrente che ci si pone durante la lettura del romanzo è: chi è veramente il grande Gatsby? Gatsby è una persona misteriosa, sulla quale circolano leggende di ogni tipo; avrà veramente ucciso un uomo? Sarà veramente stato in passato un contrabbandiere o una spia tedesca? Ognuno dei suoi conoscenti o, piuttosto, dei frequentatori della sua casa, ha una diversa opinione di lui, una diversa versione del suo passato da raccontare. Nick, in particolare, risulta cambiare spesso opinione riguardo al suo vicino di casa, che viene inizialmente considerato una persona “che ha qualcosa da dire”, “che ha in sé qualcosa di impreciso ma notevole”, poi semplicemente un uomo ricco che esibisce i suoi beni, una persona che suscita disprezzo ed infine una persona da rispettare, da aiutare, da cercare di comprendere, fino alla fine. La fiducia che Nick ripone nel suo vicino di casa è alterna, dipende dai momenti e dalle situazioni.
    Oltre alle varie opinioni che le persone hanno di lui, contribuiscono ad infittire il mistero anche le diverse versioni che lo stesso Gatsby dà della sua storia. L’ultima, in ordine cronologico, parrebbe essere quella che rispecchia la verità, ma niente e nessuno può confermare la veridicità delle parole del protagonista. Il suo vero nome sarebbe James Gatz; nato da una famiglia povera del Nord Dakota, dopo essere stato soldato ed aver trascorso alcuni anni guadagnandosi di che vivere giorno per giorno, si è imbattuto in un ricco milionario, che ne ha fatto prima il suo aiutante ed in seguito il suo erede. Gatsby ha viaggiato moltissimo, con il suo “benefattore” ha compiuto tre volte il giro dell’intero continente e alla morte di questi è diventato molto ricco, realizzando i suoi sogni di gioventù come solo una persona con una grandissima determinazione sa e può fare.
    Il romanzo è incentrato sulle illusioni, sui ricordi, sul passato, e su come si vorrebbe far rivivere quest’ultimo in una maniera diversa al fine di cambiare il presente. Simbolo di tutto ciò è una luce verde prossima alla casa di Daisy che Gatsby osserva di continuo, sospirando e ripensando ai momenti felici passati con la donna, ma con la convinzione di poter farli rivivere.
    Il personaggio di Gatsby vive per il suo passato, e per la speranza di poterlo trasportare al presente e al futuro; speranza che, però avrà per lui una tragica conclusione. Nonostante tutto ciò, però, molte volte appare incerto, indeciso, incredulo di stare sfiorando i suoi ricordi dopo un’attesa durata anni; solo verso la fine del romanzo, in un’aperta discussione, i due rivali metteranno in tavola tutte le loro carte e tutto se stessi per riconquistare Daisy. A sua volta anche il personaggio di Daisy appare alquanto incerto e spaventato da tutto ciò che sta accadendo e da questo riversarsi del suo passato all’interno del suo ben diverso presente. La donna non riesce a prendere una decisione per il futuro: far rivivere il passato o continuare la sua relazione con Buchanan; rimane incerta fino all’ultimo, è contesa tra i vecchi ricordi e i più recenti, ma alla fine prenderà la sua decisione.
    Infine vi è il personaggio-narratore, Nick Carraway, il quale rimane per tutto il corso del romanzo un po’ estraneo alla vicenda principale: nonostante sia proprio lui a rendere possibile l’incontro tra i due vecchi amanti, non è mai totalmente consapevole e a conoscenza dei fatti. Con questo stratagemma, Fitzgerald non fa altro che aumentare la suspance, e rende possibili gli innumerevoli colpi di scena che si susseguono all’interno del romanzo.
    “Il grande Gatsby” dà uno spunto di riflessione: è meglio abbandonare i ricordi, lasciarli vivere nel passato, o permettere che essi intralcino e rivivano nel futuro?
Carica un appunto Home Appunti