Charles Darwin: Spiegazione sintetica della teoria dell'evoluzione di Charles Darwin (3 pagine formato doc)

VOTO: 3 Appunto inviato da lamimi91

Darwin, con la sua teoria della discendenza, fu il primo a fornire una spiegazione scientifica dell'evoluzione. Fin dall'antichità pensatori greci e latini avevano immaginato che gli esseri viventi potessero trasformarsi e discendere gli uni dagli altri. All'inizio dell'ottocento Lamarck propose una teoria secondo cui le specie si trasformano nel tempo per effetto dell'uso e disuso delle parti e dell'ereditarietà dei caratteri acquisiti.

Darwin, dopo un lungo viaggio per mare intorno al mondo, formulò la sua teoria della discendenza con modificazioni. Nell'origine delle specie (1859) egli sostenne che tutte le forme di vite condividono un'origine comune, che le specie moderne sono discese, attraverso successive modificazioni, da forme antenate, e che il meccanismo che causa le modificazioni, cioè l'evoluzione della specie nel tempo, è la selezione naturale. Alcuni studiosi (cuvier) preferirono interpretare i fossili come i resti delle vittime di catastrofi che avrebbero periodicamente flagellato la terra. Questa teoria, detta catastrofismo, si contrapponeva all'idea di hutton che la terra avesse subito trasformazioni lente e graduali. Un grande contributo venne dal geologo Lyell che si oppose alla teoria del catastrofismo sostenendo che le forze naturali che hanno agito nei diversi periodi geologici sono le stesse che agiscono attualmente e che le grandi trasformazioni sono il risultato di piccoli cambiamenti lenti e graduali avvenuti nei corsi dei millenni.

Darwin dimostrò che le specie attuali derivano da una successione di specie antenate attraverso un processo che chiamò discendenza con modificazioni . Secondo la sua teoria, tutte le specie viventi sono tra loro imparentate e sono discese da antenati comuni vissuti più o meno in epoche remote. La storia della vita può essere pensata come un'albero o come un grande corallo con tante ramificazioni dove ogni punto di biforcazione dei rami rappresenta il momento in cui da una comune linea di discendenza sono nate e si sono evolute nuove specie. Questo meccanismo è chiamato da Darwin selezione naturale. Nell'origine della specie emerge : gli organismi d tutte le specie hanno la tendenza a produrre una prole in eccesso all'ambiente; variano in molte caratteristiche che possono essere ereditate; in una popolazione di individui è presente variabilità tra gli individui stessi; alcune caratteristiche individuali sono ereditabili; si crea una competizione tra gli individui; non tutti gli esseri viventi procreati arriveranno alla maturità sessuale; sopravvivono i più idonei all'ambiente (selezione naturale).

Continua »

vedi tutti gli appunti di biologia »
Carica un appunto Home Appunti