Nietzsche E Il Nazismo: Riassunto Di Storia - Riassunto di Filosofia E Storia gratis Studenti.it

Nietzsche e il nazismo: riassunto di storia: Filosofia di nietzsche e storia del nazismo: Nietzsche è considerato il filosofo che ha avviato il dannunzianesimo ma anche il nazismo (6 pagine formato doc)

VOTO: 3 Appunto inviato da gioalto

IL SUPERUOMO IL SUPERUOMO Nietzsche è considerato il filosofo che ha avviato il dannunzianesimo ma anche il nazismo. Nietzsche partendo dalla sua concezione della storia arriva ad una riflessione sull'uomo. Egli è convinto che la storia serve all'uomo perché ha bisogno di avere dei maestri e ideali. Ma la società moderna tende a trasformare le cose in eventi, che obbediscono ad una legge inesorabile ed estranea all'uomo. L'individuo diventa quindi uno spettatore della Storia, che lo supera e lo travolge. Nietzsche mette così tutto in discussione: romanticismo, idealismo, positivismo, socialismo, evoluzionismo, cristianesimo, metafisiche e dogmatismi vari. Tutte le realtà che sono state presentate come nobili e vere sono in realtà "umane, troppo umane". Sono costruzioni che esprimono solo gli istinti, appetiti, passioni e interessi più intimi dell'uomo. Nietzsche rifiuta così ogni tipo di metafisica e di religione, ed attacca lo stesso concetto di verità: secondo Nietzsche si sono chiamate verità gli errori utili, quelli che sono indispensabili all'uomo per poter vivere, giacché non sopporta il vivere senza un senso. La volontà di verità ha la sua radice proprio nel bisogno di stabilità, In altre parole, non vi sono verità evidenti se non all'interno di categorie storicamente instaurate dagli uomini. Nietzsche inoltre rifiuta la religione infatti egli dice che il cristianesimo ha considerato peccato tutto ciò che è piacere e valore per l'uomo opponendo i valori del cielo a quelli della terra. Così esso diventa la religione dei deboli, dei vinti. L'ateismo, appare quindi a Nietzsche come l'unica alternativa per liberare l'uomo.Nietzsche sostiene che l'uomo ha ucciso Dio. La civiltà occidentale ha ucciso Dio a poco a poco, ma, uccidendo Dio, ha perso ogni punto di riferimento. Dicendo che "Dio è morto!" Nietzsche vuol indicare insomma che sono morti gli ideali ed i valori del mondo occidentale. Dio è stato ucciso perché in Lui era sintetizzato tutto ciò che era contro la vita. Però, ora che Dio è morto, l'uomo non sa più che cosa fare: è privo di valori ed è quindi solo, sperduto, senza punto d'appoggio. Non c'è che una alternativa: è l'uomo stesso che deve creare i valori. Ma quali?Prima di proporre una nuova tavola di valori, Nietzsche si dedica allo smantellamento della morale,egli risale all'origine dei comportamenti morali. La morale per Nietzsche è uno strumento di dominio: essa consiste nella costituzione di valori presentati come universali e auto-evidenti, ma in realtà astratti e repressivi. In nome di tali valori, alcuni uomini (i buoni) ne soggiogano altri (i forti). Vi sono infatti due tipi di morale: la morale dei sani, dei forti, che privilegia l'individualismo, la fierezza, l'amore per la vita; e vi è poi la morale degli schiavi, dei deboli, che è sociale e utilitaristica, che predica la democrazia e via dicendo. La morale degli schiavi è nata col cristianesimo ed è sorta per il risentimento verso la classe dei forti: infatti i medio Continua »

PERSONE: nietzsche
vedi tutti gli appunti di filosofia-e-storia »
Carica un appunto Home Appunti