Kant: pensiero

Appunto inviato da barbaralomasto Voto 6

Riassunto completo del pensiero di Immanuel Kant (2 pagine formato pdf)

SPECIALE MATURITA' 2017

1° scritto | 2° prova | 3° prova| Orale | Tesina | Voto

KANT: PENSIERO

Kant. Kant fu un importante rappresentante dell'Illuminismo tedesco. I primi studi di Kant furono scientifici e astronomici. Kant sviluppa e matura una nuova concezione della filosofia detta criticismo. La ''critica'' kantiana utilizza la ragione per dare un giudizio, giudica le condizioni di possibilità e i limiti della conoscenza. La prima realizzazione di questo suo pensiero appare nella ''critica della ragion pura'', in cui Kant va alla ricerca della conoscenza e ritiene che vi siano dei limiti alla conoscenza umana, ci sono cose che non possiamo conoscere, per quanto possiamo sforzarci non ci possiamo arrivare. Kant quindi mette in discussione la conoscenza incondizionata, perché la ragione umana ha dei limiti e non bisogna abusare di essa senza cadere in affermazioni false. Per conoscere, Kant ritiene che sia necessario dare un giudizio sulla realtà, fare un'affermazione su qualcosa.

Il pensiero di Kant: riassunto


PENSIERO DI KANT SEMPLIFICATO

Come sono giunti gli altri filosofi ad affermare la conoscenza? Alcuni con il razionalismo, in cui non si occupavano dell'esperienza quindi con giudizi analitici a
priori, altri con l'empirismo, cioè comprendevano la realtà attraverso l'esperienza, quindi con giudizi sintetici a posteriori; ma Kant ritiene entrambi i metodi errati, concludendo che nell'Empirismo si arriva a conoscenze reali ma non garantite universalmente, quindi non condivise da tutti, nel razionalismo queste conoscenze non hanno basi solide ma sono astratte. La soluzione di Kant è che ogni nostra conoscenza comincia con l'esperienza, ma non deriva interamente da essa e Kant fa appello al carattere trascendentale della conoscenza, cioè che va oltre l'esperienza sensibile.

Riassunto del pensiero di Kant


KANT RIASSUNTO COMPLETO

La conoscenza è possibile solo grazie a condizioni a priori, cioè che sono condizioni universali e che non sono  prodotte dall'esperienza, come lo spazio ed il tempo. Quando conosciamo, conosciamo sempre attraverso strutture particolari, significa che la mente ha modi suoi di organizzare, di apprendere e non abbiamo mai la possibilità di conoscere la cosa in sé, ma solo come ci appare attraverso le nostre sensazioni. Sono gli oggetti a dover regolarsi sulla nostra conoscenza. Kant afferma di aver compiuto una rivoluzione copernicana, perché con il suo intervento aveva messo le cose a posto per quanto riguarda il problema della conoscenza. Per Kant le cose si devono adattare al nostro modo di vedere, questa conoscenza fenomenica (ciò che posso percepire) è l'unica possibile.