Primo Heidegger: riassunto

Appunto inviato da feffe89 Voto 5

il pensiero filosofico di Heidegger, esponente dell'esistenzialismo. Riassunto del Primo Heidegger (16 pagine formato doc)

PRIMO HEIDEGGER RIASSUNTO

Heidegger e l'Esistenzialismo.
1930-1945: Heidegger è stato considerato la maggior figura dell’esistenzialismo contemporaneo, ovvero il filosofo che incarna le istanze della filosofia esistenziale del ‘900.
Dopo il 1945_ vennero pubblicati gli inediti degli anni trenta e si ebbe una SVOLTA (zain), in cui appare evidente come il programma “ontologico” di “Essere e tempo”, non era quello  dell’esistenza, bensì quello dell’essere. Le singole cose che si manifestano = gli enti. Perciò Heidegger nega la propria appartenenza all’esistenzialismo.
PERCORSO ONTICO = domande sul singolo ente (manifestazione più eclatante di come la filosofia sia sparita). Bisogna invece fare una ricerca ontologica, non ontica.

Secondo Heidegger: riassunto


PRIMO HEIDEGGER FILOSOFIA

Rivoluzione interpretativa: Filosofo dell’esistenza - filosofo dell’essere.
Modi di affrontare il problema dei rapporti tra Heidegger e l’esistenzialismo sono insoddisfacenti, perchè:
Fa di Heidegger un esistenzialista tout court, un esistenzialista incoerente;
lo sforzo di rivendicare la portata ontologico di H. finisce per smarrire i legami con     l’esistenzialismo e riduce la questione ad un semplice equivoco storiografico del passato.
Heidegger. risulta parte integrante della storia dell’esistenzialismo, pur non essendo storiograficamente classificabile come tale. All’esistenzialismo ha fornito analisi, tematiche, e una sorta di grammatica filosofica.
1.    Essere e tempo è un’analitica esistenziale  condotta in vista dell’elaborazione del problema dell’essere;
2.    il protagonista di Essere e tempo non è l’essere, bensì l’esistenza;
3.    se risulta scorretto appiattire il secondo Hiedegger sul primo, risulta altrettanto sbagliato appiattire il primo sul secondo, cioè leggere Essere e tempo sulla falsariga della interpretazione che ne ha offerto Hiedegger dopo la “svolta”, alla luce degli esistenziali come “eventi” dell’essere;
4.    Essere e tempo non ha influito solo sull’esistenzialismo, poiché è stato esso stesso influenzato dall’atmosfera esistenzialista e dalla sua sensibilità per gli aspetti negativi e limitanti della condizione umana. Non si può parlare di Heidegger a prescindere dall’esistenzialismo e viceversa.

Il secondo Heidegger: riassunto di filosofia


HEIDEGGER PENSIERO: RIASSUNTO

Vita e scritti. Nasce nel 1889, nel Baden da una famiglia borghese. Nel 1909 s'iscrive all'università di Friburgo, diventando un allievo di Rickert. Nel 1915 diventa libero docente all'università di Friburgo. Nel 1916 Husserl viene chiamato all'università di Friburgo. H. ne diviene assistente. Dal '17 al '23 lavora intensamente col maestro su Kant, Aristotele, Fichte, Fenomenologia della religione. Dal '23 al '27 è professore a Marburgo, dove viene seguito dai primi allievi grazie al suo fascino come docente. Nel '27 pubblica la prima e unica parte di Essere e tempo. Rompe con la filosofia di Husserl, ma contrasti ve n'erano stati anche prima, poiché Husserl mal sopportava l'antisemitismo di H. Nel '28 gli succede a Friburgo. Nel '29 pronuncia la prolusione Che cos'è la metafisica? Pubblica anche Kant e il problema della metafisica e L'essenza del fondamento.

 

Heidegger: riassunto di filosofia