Riassunto del Simposio di Platone

Appunto inviato da camy0409 Voto 6

breve ma chiaro riassunto del Simposio di Platone (su Eros e la sua natura) suddiviso in paragrafi. Riassunto del Simposio di Platone (2 pagine formato doc)

RIASSUNTO DEL SIMPOSIO DI PLATONE

Premessa all’elogio sull’Eros di Socrate. Socrate definisce bello e seducente il discorso pronunciato da Agatone.
Prima di cominciare il suo elogio premette di non essere capace di farlo altrettanto bello, ma afferma che è invece più importante dire la verità. In seguito pone ad Agatone alcune domande riguardanti Eros e la sua natura.
Eros non è bello. Dal loro dialogo emerge che si è soliti a desiderare ciò che non si ha e si prova amore, quindi, per ciò che non si possiede. In questo modo Socrate smentisce le affermazioni fatte prima da Agatone giungendo alla conclusione che l’ Eros desidera la bellezza e la bontà perché lui stesso non la possiede.

Simposio di Platone: l'antefatto


IL SIMPOSIO DI PLATONE: RIASSUNTO E COMMENTO

Eros è un demone. Socrate ricorda un dialogo che fece con Diotima e che gli fece capire molte cose sull’Eros, ne parla con gli altri.
Da questo dialogo emerse in primo luogo che Eros non è bello, ma non è neanche brutto. Non è nemmeno un Dio poiché gli dèi sono belli e felici, mentre Eros manca di queste cose. Egli è dunque un demone: funge da intermediario tra gli uomini e gli dèi.
La duplice natura di Eros. Diotima raccontò a Socrate che Eros è figlio di Poros e Penia ed ama la bellezza perché è stato concepito durante la festa in onore di Afrodite, e Afrodite è bella.
E’ proprio dai suoi genitori che riceve una duplice natura.
Non è né mortale né immortale: muore e resuscita in continuazione, così come la passione amorosa arde finché il desiderio non è soddisfatto. Appena questo succede essa si attenua, poi rinasce.
Eros è anche filosofo e, come tutti i filosofi, sta nella posizione intermedia tra i sapienti e gli ignoranti.

Il Simposio di Platone e l'amore platonico


DI COSA PARLA IL SIMPOSIO DI PLATONE

Ogni desiderio è amore. Diotima spiegò poi che ogni tipo di desiderio dovrebbe essere definito “amore possente”, mentre gli uomini chiamano “amore” solo una delle sue forme.
Tutti gli uomini desiderano qualcosa, quindi tutti gli uomini amano.
L’immortalità attraverso la procreazione. Tutti desiderano il bene e desiderano di possederlo sempre. L’azione che accompagna lo sforzo di raggiungere questo fine è “creare nella bellezza”. Nell’ unione tra l’ uomo e la donna c’ è creatività : è la procreazione. Siamo simili agli dèi attraverso l’ immortalità che viene dalla procreazione, e quindi dall'amore. Per questo chi sente la propria creatività pronta alla vita è fortemente attratto dalla bellezza.
Eros, quindi, non desidera la bellezza, ma desidera creare e far nascere nuova vita in essa.
L’ amore, perciò, sia tra gli uomini che tra gli animali, ha come oggetto l’ immortalità.

Simposio di Platone: scheda libro e analisi dei personaggi