Ricerca esauriente su Marx e il capitale: Il Capitale è la maggiore e più importante opera del filosofo ed economista tedesco Karl Marx, è un’opera complessa e poderosa che affronta diversi temi e problemi, del suo oggetto d’indagine principale: il modo di produzione e distribuzione capitalistico (11 pagine formato doc)

VOTO: 5 Appunto inviato da claudialorizio

Il Capitale Il Capitale Il Capitale è la maggiore e più importante opera del filosofo ed economista tedesco Karl Marx, è un'opera complessa e poderosa che affronta diversi temi e problemi, del suo oggetto d'indagine principale: il modo di produzione e distribuzione capitalistico. L'opera è divisa in tre libri, di cui solo il primo però fu dato alle stampe, ad Amburgo nel 1867, dallo stesso Marx. I libri II e III furono invece pubblicati postumi da Engels nel 1885 e nel 1894. Il materialismo storico Il problema per Marx ed Engels consiste nell'abolire, più che la religione, le condizioni storiche la rendono possibile. Questo programma di modificazione storica della realtà trova espressione nella celebre tesi secondo cui “I filosofi hanno solo interpretato il mondo in modi diversi; si tratta però di mutarlo”. Si dice nell'Ideologia tedesca, gli uomini si distinguono dagli animali non perché dotati di pensiero, bensì quando iniziano a produrre i loro mezzi di sussistenza. Ciò che gli individui sono, dipende dalle condizioni materiali della loro produzione: questo è il presupposto basilare della concezione materialistica della storia. Marx rifiuta una concezione della storia come pura raccolta di fatti senza connessioni, ma anche quella della storia speculativa, che attribuisce le vicende storiche all'azione di soggetti immaginari, come l'autocoscienza hegeliana. Il problema è di spiegare i fatti nella loro successione, senza pretendere di dedurli da un principio filosofico astratto. Marx ed Engels riprendono l'idea che la base della società civile in tutti gli stadi della sua storia è il modo gli uomini si procurano la sussistenza: questi pensatori avevano distinto gli stadi della pesca,della caccia, della pastorizia, dell'agricoltura, dell'industria e del commercio. Anche per Marx la base della società è economica ed è data dal modo di produzione che la caratterizza. La soddisfazione dei primi bisogni e l'incremento della popolazione generano nuovi bisogni, per soddisfare i quali è necessario una più articolata divisione del lavoro. Il grado di sviluppo delle forze produttive è quindi indicato dal grado di sviluppo della divisione del lavoro; questa ha assunto storicamente varie forme, dando luogo in particolare alla separazione tra città e campagna, cioè tra agricoltura, da una parte, e commercio e industria, dall'altra, e successivamente anche tra industria e commercio. Il modo di produzione non coincide con la società nella sua totalità, ne è solamente la base; infatti la “società civile” è costituito da tutto l'insieme delle relazioni materiali tra gli individui entro un determinato grado di sviluppo delle forze produttive. Ai gradi di sviluppo del lavoro corrispondono forze produttive diverse e diverse forme di proprietà. Marx ed Engels distinguono quattro tipi di proprietà: 1) la proprietà tribale, nella quale predominano la caccia, la pesca e la pastorizia; in essa la divisione del lavoro è ancora scarsa; 2) la forma Continua »

vedi tutti gli appunti di filosofia »
Carica un appunto Home Appunti