Becco Di Bunsen - Riassunto di Fisica-chimica gratis Studenti.it

Becco di Bunsen: Becco di Bunsen e inventori (3 pagine formato doc)

VOTO: 3 Appunto inviato da homerpazzo

Il becco di Bunsen Il becco di Bunsen è un bruciatore a gas usato in chimica. Prende il nome da Robert Wilhelm Bunsen, il cui assistente di laboratorio Peter Desdega perfezionò un progetto precedente di Michael Faraday. Il becco di Bunsen brucia un flusso continuo di gas senza rischio che la fiamma abbia un ritorno nel tubo e giunga fino alla bombola. Tipicamente il bruciatore usa gas naturale (sostanzialmente metano con piccole quantità di propano e butano) o, in alternativa, gas di petrolio liquefatto (propano, butano o una miscela dei due). R.W.Bunsen Il becco di Bunsen è composto da uno zoccolo con il tubo di adduzione nel combustibile gassoso, che presenta all'estremità finale un beccuccio; l'apparecchio è formato anche da un tubo (forato in due punti per l'accesso dell'aria), all'imboccatura del quale viene acceso il gas e di un manicotto, anch'esso munito di due buchi che possono coincidere con quelli del tubo oppure chiuderli. La regolazione del manicotto permette di ottenere una fiamma di diversa natura, ossidante o riducente, a seconda della maggiore o minore quantità di aria aspirata per effetto Venturi e miscelata al gas. La portata del gas è regolata invece da un'apposita vite. La fiamma raggiunge la temperatura anche di 1400°C quando è ossidante, e si divide in diverse zone a seconda della temperatura. La base della fiamma che raggiunge i 300°C, la zona di fusione che si ritrova a circa 2/3 dell'altezza della fiamma e che raggiunge i 1400°C. Oltre che come fonte di calore, il becco di Bunsen trova impiego anche nell'esecuzione dei saggi alla fiamma. Continua »

vedi tutti gli appunti di fisica-chimica »
Carica un appunto Home Appunti