Se questo un uomo: riassunto: riassunto per capitoli del libro "Se questo un uomo" di Primo Levi (3 pagine formato doc)

VOTO: 5 Appunto inviato da greek14

SE QUESTO E' UN UOMO: RIASSUNTO - Capitolo 1 , il viaggio. In questo capitolo si parla delle premesse della cattura dell’autore e della sua prigionia nel campo di concentramento di Fossoli. L’autore descrive la notte prima del trasferimento ad Auschwitz , ed il viaggio fino al campo di concentramento ; le persone erano tutte stipate in un vagone, non ci si poteva muovere e lavare. Molte persone morirono durante il tragitto. Arrivati ad Auschwitz gli uomini furono separati dalle donne e dai bambini e, successivamente, dagli uomini che non potevano lavorare perché troppo vecchi, disabili o malati.

Leggi anche Se questo è un uomo: recensione

SE QUESTO E' UN UOMO: RIASSUNTO. CAPITOLO 2 - In questo capitolo Primo Levi ha un primo contatto con il lager; nota subito la scritta ARBEIT MACHT FREI all’entrata. I prigionieri vengono svestiti e devono fare la , doccia, poi riceveranno altri vestiti. Successivamente i detenuti vengono tatuati con un numero che diventerà il loro nome. Primo Levi è il numero 174517. l’autore descrive la sistemazione del campo e le varie strutture. Parla anche della gerarchia all’interno del campo.

Approfondisci con la Scheda libro Se questo è un uomo

SE QUESTO E' UN UOMO: RIASSUNTO. CAPITOLO 3 - L’autore parla delle difficoltà a comprendere i comandi dei tedeschi perché inizialmente non conosceva la lingua tedesca, così come le altre lingue, per cui per lui era molto difficile relazionarsi con le altre persone del campo. Si parla del rancio e di come il pane sia una specie di moneta di scambi tra i prigionieri. L’autore poi descrive il lavatoio, sempre molto affollato e i problemi igienici.

Leggi anche Se questo è un uomo: riassunto dettagliato

SE QUESTO E' UN UOMO: RIASSUNTO. CAPITOLO 4 - L’autore descrive il pesantissimo lavoro che deve compiere ogni giorno. Solo che una mattina si ferisce un piede ed è ricoverato in KA-BE, l’infermeria. Qui si sta sicuramente meglio che fuori infatti le condizioni di vita sono migliori e poi non si lavora, non fa freddo e, se si commette qualche errore, non si viene picchiati. Primo Levi spera di guarire lentamente per potersi riposare più a lungo.

Continua »

vedi tutti gli appunti di italiano »
Carica un appunto Home Appunti