Alessandro Manzoni - Vita e opere

Appunto inviato da chiccoch82 Voto 6

la vita, la personalità, le odi (gli Inni sacri, la pentecoste, Marzo 1821, il cinque maggio), le tragedie (Il Conte di Carmagnola e l'Adelchi) e i Promessi Sposi. Riassunto della vita, pensiero e opere di Alessandro Manzoni (4 pagine formato doc)

ALESSANDRO MANZONI - VITA E OPERE

La vita. Alessandro Manzoni nasce a Milano nel 1785 da Giulia Beccaria, figlia del celebre giurista Cesare, e dal conte Pietro Manzoni. Sembra però che Alessandro fosse il frutto di una relazione di Giulia con Giovanni Verri.
Alessandro cresce tra la casa di Milano e la dimora di campagna presso Lecco, in un clima di dissidi familiari: Giulia infatti dopo essersi separata con Pietro va a vivere con il Carlo Imbonati con il quale si trasferirà a Parigi. Alessandro rimasto a Milano con il padre affronta gli studi prima presso i padri Somaschi , poi al collegio dei Barnabiti con il quale ha modo di costruirsi una solida formazione classica.
Uscito dal collegio scrive il poemetto Del trionfo delle libertà. Conosce i due esuli napoletani Francesco Lo monaco e Vincenzo Cuoco (formazione ideologica) e poi uomini di cultura come Vincenzo Monti e Ugo Foscolo.

Riassunto su Manzoni: vita e opere


ALESSANDRO MANZONI OPERE

La madre lo invita a Parigi quando Alessandro ha venti anni, ma prima del suo arrivo l’Imbonati muore senza che egli abbia potuto conoscerlo. Gli dedica un carme: In Morte di Carlo Imbonati.
Rientrato a Milano per la morte del padre conosce Enrichetta Blondel, di confessione calvinista che sposerà un anno dopo con rito evangelico. Con tale evento si individua il momento della conversione di Alessandro al cattolicesimo, avvenuta nel 1810 dopo quella della moglie. L’istruzione religiosa dei due viene seguita prima da padre Degola e poi da Luigi Tosi, ambedue vicini alla dottrina giansenista. Alessandro Manzoni comincia così la stesura degli Inni sacri.

altro riassunto della vita e opere di Alessandro Manzoni


ALESSANDRO MANZONI VITA

Gli anni successivi, trascorsi tra la casa a Milano e la villa ereditata dall’Imbonati sono i più fecondi per lo scrittore, anche se gli muoiono due figli ancora giovani, e poi avrà altre sventure.
Compone la tragedia storica Il Conte di Carmagnola, il qinto inno sacro La pentecoste, la seconda tragedia l’Adelchi e le due odi politiche Marzo 1821 e Il cinque Maggio. Poi si dedica al Fermo e Lucia, prima stesura de I Promessi Sposi, in cui Femo corrisponde a Renzo. Dopo aver compiuto un viaggio in Toscana e aver conosciuto il Leopardi, Alessandro sottopone il romanzo ad una revisione traducendolo in toscano.
Una serie di sciagure tra cui la morte di Enrichetta accentueranno i disturbi psichici del Manzoni, come l’agorafobia e la depressione.
Si risposa con Teresa Borri e quattro anni dopo muore anche la madre che si era precedentemente convertita al cattolicesimo.
Alessandro Manzoni muore a Milano nel 1873, circondato dall’affetto di molti amici. Al primo anniversario della sua morte Giuseppe Verdi suonerà per lui la Messa de requiem.

Riassunto della vita e de I promessi sposi di Manzoni


ALESSANDRO MANZONI PENSIERO

La personalità. Alessandro Manzoni ha una personalità molto complessa, resa irrequieta da una continua ricerca di un punto d’incontro fra fiducia nella ragione e fede. Inoltre il Manzoni in seguito alla sua educazione illuministica osservava con molta attenzione la realtà e rinnegava ogni forma di sopruso in nome dei principi di uguaglianza e libertà. Osservando la storia maturò il concetto che l’espressione artistica fosse un mezzo di formazione civile, legato ai fini morali e destinato al grande pubblico. Il Manzoni, come gli altri patrioti italiani visse la delusione del tradimento napoleonico.
Il suo pessimismo lo spinse a cercare conforto nella fede: si impegnò per aiutare gli altri e soprattutto cercava di diffondere l’educazione morale ai suoi simili.Infatti l’adesione al cristianesimo del Manzoni non lo spinse ad assumere un comportamento conservatore e ad accettare dogmi e formalismi, ma placava la sua sensibilità. Inoltre il giansenismo aveva influito molto nella sua conversione.