Dal Simbolismo al Decadentismo: riassunto

Appunto inviato da kykyna Voto 6

Dal Simbolismo al Decadentismo: riassunto sulla poesia simbolista, l'origine del Decadentismo, l'Irrazionalismo e il mistero, i caratteri e i temi del Decadentismo (2 pagine formato doc)

DAL SIMBOLISMO AL DECADENTISMO: RIASSUNTO

Dal Simbolismo al Decadentismo. “Contemporanea all’operazione compiuta da Flaubert nell’ambito del romanzo è la svolta operata da Baudelaire nel campo della lirica con la concezione della realtà come universo di simboli di cui spetta al poeta cogliere il significato profondo. A Baudelaire si rifanno numerosi cenacoli di giovani poeti trasgressivi (maledetti) che danno vita alla corrente del Simbolismo. Da questa nuova sensibilità nasce in Europa un clima culturale, il Decadentismo, al cui interno si delinea la propensione all’estetismo, cioè all’esaltazione della bellezza e della vita raffinata, vissuta come un’opera d’arte.

Baudelaire, Simbolismo e Decadentismo: riassunto


SIMBOLISMO E DECADENTISMO

La poesia simbolista. Per comprendere le caratteristiche e i temi tipici del Decadentismo, è necessario risalire ad alcune tendenze del gusto che precedono e preannunciano il movimento decadente affermatosi in Europa tra la fine dell’Ottocento e i primi anni del Novecento.
La nascita della poesia moderna viene generalmente collegata alla pubblicazione della raccolta poetica I fiori del male (1857) del fracese Charles Baudelaire. Baudelaire esprimeva attraverso i componimenti, il disagio del poeta nella società moderna: privo ormai della funzione di guida illuminata del genere umano, il poeta non è più compreso dal pubblico borghese, è guardato con indifferenza e irriso per l’impaccio con il quale si muove nella società moderna. La sua esistenza è dominata da insofferenza e da malinconia: la noia (sleen) appare il sentimento fondamentale della sua vita.

Decadentismo: riassunto dettagliato


SIMBOLISMO LETTERATURA

Baudelaire non mira a imitare e a riprodurre una realtà che non appare pià decifrabile in ogni suo aspetto e regolata da ben precise leggi scientifiche. Se il mondo circostante è pervaso dal mistero, la poesia dovrà cercare di esprimere questo mistero, attraverso la forza magica della parola, in grado di evocare e di scoprire le misteriose corrispondenze fra le cose (corrispondenze è un titolo dei testi fondamentali di Baudelaire).
La lezione di Baudelaire viene ripresa in Francia dai poeti simbolisti: Jean Moréas, Paul Verlaine, Arthur Rimbaud e da Stéphane Mallarmé, (nel 1874 pubblicarono l’antologia intitolata I Poeti Maledetti) che cercavano con il mondo circostante un rapporto puramente sensoriale, non meditato dalla ragione.