Storia del cinema

Appunto inviato da trustnt1 Voto 6

Riassunto della storia del cinema dalle sue origine ai giorni nostri. Dal precinema a Realismo e magia, dall'arrivo del sonoro a Pier Paolo Pasolini. (3 pagine formato doc)

CINEMA CINEMA Il Precinema: durante il XIX sec. furono inventate numerose macchine capaci di proiettare immagini statiche. Grazie all'invenzione della fotografia 1826 si riuscì a proiettare immagini in rapida successione così da renderle in movimento (es: fucile fotografico). Nascita del cinema: i fratelli Lumière per primi riuscirono a portare queste immagini alla visione collettiva. Applicando infatti un meccanismo da parte alla pellicola ( già inventata in precedenza) che faceva fermare ogni fotogramma davanti a una luce per 1/16 di secondo, si poteva proiettare una rapida successione di fotogrammi, 16 al secondo appunto, che dal cervello umano venivano captate in movimento. L'inizio ufficiale del cinema si ebbe il 28 dicembre 1895. Realismo e magia: sin dal suo inizio il cinema portava a due strade: la rappresentazione della realtà (seguita dai fratelli Lumière) e la ricreazione della realtà tramite la fantasia (seguita da Méliès). Da queste due strade discende tutta la storia del cinema. I primi anni del cinema furono un successo: nonostante l'assenza del sonoro (i film erano accompagnati da un'orchestra) e i numerosi incidenti (speso la pellicola si incendiava) il cinema piaceva. Torte in faccia: al cinema la gente andava per dimenticare anche per pochi minuti la realtà e i suoi problemi, e per vivere avventure impossibili. Durante i primi anni del secolo ci fu un grande successo delle comiche, brevi filmati di pochi minuti, tumultuosi, veloci, frenetici che si basavano su racconti semplici e che soddisfavano il bisogno della gente di distrarsi dalla realtà. Kolossal: il primo kolossal fu Cabiria. Questo film era il primo del suo genere e presentava diverse innovazioni: un set colossale, con vere e proprie città ricostruite, la volontà di creare un'opera d'arte, con le didascalie di D'annunzio e le musiche di una grande orchestra, e la durata, di ben 4 ore. Erano queste le caratteristiche dei kolossal che si svilupparono a partire dal primo decennio del secolo e che ebbero moltissimo successo, tanto da essere distribuiti anche in America. Cinema delle ombre e incubi: l'espressionismo, grande stagione artistica che segnò la letteratura e l'arte, si sviluppò anche nel cinema (soprattutto tedesco) tra gli anni 10 e 20 del secolo XX. Questa corrente portò nel cinema i primi mostri e il regno delle ombre: i film dell'espressionismo utilizzano luci e ombre, costumi spettrali e cercano di avventurarsi nell'inconscio, dove ci sono le paure e gli incubi, lasciando il pubblico agghiacciato. Il cinema cerca nuovi linguaggi: sempre durante gli anni '20, l'avanguardia artistica cercava nuovi linguaggi per portare nel cinema la stessa libertà espressiva già raggiunta nella letteratura, nella musica, nella pittura e scultura. Arriva il sonoro: alla metà degli anni '20 il cinema è in gran forma. Dopo l'invenzione della radio, dato che la gente sta a casa per ascoltarla, il cinema deve correre ai ripari: il 6 ottobre 1927 nasce ufficialmente il sonoro nel